I 14 Pinguini tornati in libertà, il commovente ritorno in natura

Beirut, 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio la causa della seconda esplosione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da cosa è stata causata la seconda terribile esplosione avvenuta a Beirut? Probabilmente da 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio che si trovavano in un magazzino, come ha riportato il Primo Ministro libanese Hassan Diab.

Si tratta di un fertilizzante chimico che è anche utilizzato come componente di esplosivo, quindi potenzialmente letale. Ma nonostante ciò, era immagazzinato senza misure precauzionali in un’area dov’è rimasto per 6 lunghi anni.

Il nitrato di ammonio, come specifica The Guardian, è un composto chimico versatile che viene impiegato molto spesso nei fertilizzanti perché fornisce azoto alle piante. Ma come dicevamo è anche un composto degli esplosivi, soprattutto quelli usati nelle miniere e nelle cave, essendo un ossidante che fornisce ossigeno al fuoco e che aumenta, di conseguenza, l’entità di un’eventuale esplosione. Per di più non costa molto ed è facile da reperire.

Secondo quanto riporta The Guardian, stando alle dichiarazioni del professore di ingegneria chimica Gabriel da Silva, la sua presenza non basta a scatenare un simile incidente perché il nitrato non si infiamma da solo, ma necessita di venire a contatto con altre sostanze, per esempio l’olio, come il professore ipotizza sia accaduto anche a Beirut. Nel caso specifico c’era inoltre il fuoco della prima esplosione che potrebbe aver determinato il decadimento del nitrato e la conseguente produzione di gas, alla base della seconda esplosione, ancora più letale.

Per non parlare del rilascio di sostanze inquinanti nell’aria, come l’ossido d’azoto che colora i cieli di Beirut di rosso. Quest’ultimo può provocare ad alti livelli irritazioni respiratorie causando una diminuzione delle difese polmonari. Proprio per questo le autorità stanno esortando gli abitanti a rimanere in casa, indossare maschere di protezione o lasciare la città, se possibile.

Il Primo Ministro, nel frattempo, ha dichiarato di essere intenzionato a fare il possibile per rintracciare la persona responsabile dell’accaduto, mentre il Consiglio supremo della difesa ha incitato il governo a dichiarare lo stato di emergenza in città, almeno per 2 settimane.

Se verrà confermata la quantità di nitrato, vale a dire 2.750 tonnellate, questa esplosione risulterebbe addirittura maggiore del Texas City Disaster del 1947, quando ne esplosero 2.300 tonnellate.

FONTI: The Guardian

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook