Barriera corallina: 5 cose da sapere sullo stato di salute secondo Greenpeace

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come sta la barriera corallina? È in costante pericolo o è sufficiente quello che si sta facendo? Da Greenpeace affermano che la barriera corallina sia bisognosa di un piano di protezione più adeguato rispetto a quello appena stilato dal governo australiano e dal governo dello stato di Queensland insieme.

Il Reef 2050 Plan sarebbe infatti insufficiente e, addirittura, consentirebbe ancora una volta massicce espansioni delle estrazioni di carbone e dei porti carboniferi. A pochi giorni dalla sua diffusione, Greenpeace descrive così in cinque punti quali sono i pericoli che corre una delle più affascinanti e importanti, ma al contempo minacciate, aree del Pianeta.

1. La somma tra fenomeni di origine naturale e attività umane, come per esempio le estrazioni minerarie, l’agricoltura, le attività portuali, i trasporti, il turismo, la pesca, la crescita urbana e lo sviluppo industriale, ha causato negli ultimi 27 anni la scomparsa di oltre il 50% della copertura di coralli e al deterioramento di 24 dei 41 “indicatori di qualità” relativi allo stato di salute della barriera;

2. la minaccia più immediata per la Grande Barriera Corallina proviene dal progetto di espansione del porto carbonifero di Abbot Point, piano avvallato dal governo australiano e che avrebbe in programma l’aggiunta di un ulteriore terminale oltre a quello già esistente. Questo comporterebbe il raddoppio della capacità di carico, attualmente di 50 milioni di tonnellate di carbone all’anno e le emissioni di CO2 che deriverebbero dalla combustione di questi quantitativi di carbone sarebbero equivalenti a quelle della Corea del Sud, settimo Paese al mondo per emissioni di gas serra;

barriera2

3. ovvio che i cambiamenti climatici siano già oggi il peggior nemico della Grande Barriera. Uragani e tempeste sempre più devastanti, sbiancamento dei coralli e acidificazione degli oceani sono processi causati dal riscaldamento globale;

barriera3

4. ad essere in grave sofferenza, oltre ai coralli, sono anche le estese praterie di piante marine – parenti prossime della posidonia mediterranea – e le specie che vivono quelle aree. Come ad esempio i dugonghi (la cui popolazione è solo il 3% rispetto a quella del 1960), la tartaruga a dorso piatto e la tartaruga verde, che frequentano l’area marina di Abbot Point per riprodursi e alimentarsi;

barriera4

5. per Greenpeace, il Reef 2050 Plan presentato dal Primo ministro australiano Tony Abbott porta soltanto alla totale distruzione della Grande Barriera Corallina, piuttosto che un piano per la tutela di un patrimonio dell’umanità, come chiesto dall’UNESCO. Il piano, infine, secondo l’associazione ambientalista, si occupa solo marginalmente dei cambiamenti climatici, minaccia numero uno per la Grande Barriera Corallina.

barriera5

Germana Carillo

LEGGI anche:

Aborigeni in lotta contro la miniera di carbone che minaccia la Grande barriera corallina (#savethereef)

Grande Barriera Corallina in pericolo: l’Australia nasconde i dati sul declinoGrande Barriera Corallina in pericolo: l’Australia nasconde i dati sul declino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook