Strage di foche nell’artico: colpa del caldo estremo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Artico è sempre più caldo. Sia la temperatura dell’aria che quella del mare sono sempre più elevate, e il ghiaccio marino si scioglie molto velocemente cambiando l’habitat degli animali che vivono in Groenlandia e in altre zone dell’Artico. L’ultima edizione dell’Arctic Report Card lancia un nuovo allarme sottolineando che le foche e i trichechi stanno rischiando grosso.

Lo studio guidato dalla Noaa e redatto da 70 studiosi di dieci paesi diversi ha misurato l’aumento delle temperature confrontando gli ultimi anni. La temperatura dell’aria in tutte le stagioni tra ottobre 2014 e settembre 2015 è stata di 3°C sopra la media su ampie aree dell’Artico, mentre la temperatura dell’aria media annua è salita di 1,3 °.

Quest’ultima è addirittura da record, toccando il punto più alto dal 1900. E gli effetti sono reali. A giugno è stata infatti registrata la seconda più bassa copertura nevosa mentre la portata dei grandi fiumi di Eurasia e Nord America è aumentata durante quel periodo.

L’aumento delle temperature ha fatto sì che i raggi solari penetrassero nella superficie dell’oceano, favorendo l fotosintesi e la proliferazione della alghe e del fitoplancton. A rischio sono soprattutto i trichechi che popolano la regione artica.

Le variazioni di ghiaccio marino da sole hanno un forte impatto sull’ecosistema marino (pesci, trichechi) e sulle temperature della superficie del marespiegano gli scienziati.

Negli ultimi anni, alcuni mammiferi sono stati avvistati a terra, nel nordovest dell’Alaska. Qui, al di fuori del loro habitat, spesso mettendo a rischio la vita dei cuccioli di foca.

artico ghiaccio

Lo scorso anno, è stato scoperto che anche i cuccioli di pinguino sono minacciati dai cambiamenti climatici. In alcuni casi, non riescono raggiungare l’età del piumaggio, il freddo causa il problema maggiore per la loro sopravvivenza.

L’estensione massima del ghiaccio marino, registrata il 25 febbraio scorso, è stata la più bassa mai avuta fin dal 1979, con 15 giorni di anticipo rispetto alla media. Anche l’estensione minima, la quarta più bassa mai registrata, è in calo, riducendosi in media del 13,4% per decennio. Ma, se possibile, c’è di peggio. Circa la metà della calotta di ghiaccio della Groenlandia si è sciolta. Il ghiaccio marino continua ad essere più sottile.

Stiamo gravemente alterando gli equilibri della Terra. Occorrono altre conferme?

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO STA UCCIDENDO I CUCCIOLI DI PINGUINO

I RIFIUTI DI PLASTICA ARRIVANO NELL’ARTICO: A RISCHIO LA VITA MARINA IN GROENLANDIA

GHIACCIO SEMPRE PIÙ BOLLENTE. ADDIO AL 40% DEI GHIACCIAI ALPINI

MORIA DI FOCHE E TRICHECHI IN ALASKA: I PRIMI TEST ESCLUDONO LE RADIAZIONI DI FUKUSHIMA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook