Artico: tre compagnie petrolifere abbandonano le trivellazioni in Groenlandia (#SaveTheArctic)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gran bella notizia da Greenpeace: tre compagnie petrolifere che trivellavano nella Groenlandia occidentale hanno lasciato il campo. Un successo per l’associazione e la campagna #SaveTheArctic.

La notizia è data dal giornale danese “Politiken“, secondo il quale le tre maggiori compagnie petrolifere – la norvegese Statoil, la francese GDF Suez e la Dong, controllata dallo stato danese – hanno riconsegnato le loro licenze di esplorazioni di petrolio.

Stop, quindi, alle trivellazioni nella Groenlandia occidentale da parte di questi colossi: una decisione che segue in ogni caso quella di molte altre compagnie che si fanno i conti in tasca e decidono di tornare sui propri passi fanno marcia per i costi e i rischi eccessivi che comporta trivellare nell’Artico.

È arrivato il momento, insomma, che il governo groenlandese, che aveva offerto alle compagnie di prolungare le esplorazioni per altri due anni, punti invece sullo sviluppo sostenibile.

Una settimana fa anche la Maersk Oil aveva sospeso le operazioni di ricerca del petrolio nella Groenlandia orientale, mentre l’ultima azienda che aveva condotto esplorazioni petrolifere in Groenlandia nel 2011, Scottish Cairn Energy, ha chiuso gli uffici nel Paese l’anno scorso, annunciando che avrebbe bloccato le ricerche nelle aree di frontiera come la Groenlandia.

trivellazgroenlandia1

Idem nell’Artico canadese: qui, infatti, la statunitense Chevron lo scorso dicembre ha deciso di sospendere a tempo indeterminato i piani di trivellazione petrolifera nel mare di Beaufort per una “incertezza economica nell’industria”.

Se l’offshore in Groenlandia occidentale pone dei rischi, le concessioni nel settore orientale sono ancora più pericolose per le condizioni ambientali estreme. Cosa aspetta Eni, che detiene licenze per esplorazioni petrolifere proprio nella Groenlandia orientale, ad abbandonare le ricerche?

Germana Carillo

Foto: Politiken

LEGGI anche:

Artico: il Parlamento Europeo sostiene l’istituzione dell’area protetta al Polo Nord

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook