Individuato il punto della Terra senza inquinamento e dove l’aria è la più pulita del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

C’è un posto nel mondo dove l’aria è veramente pulita, letteralmente incontaminata. No, per nostra sfortuna non lo vedremo mai visto che si trova al Polo Sud, nel bel mezzo dell’Antartide.

Un vero e proprio paradiso siatuato nell’Oceano Antartico, tra la Tasmania e l’Antartide, tra 42,8 e 66,5 gradi di latitudine. Qui, secondo un nuovo studio, esistono condizioni atmosferiche tali da impedire agli inquinanti prodotti dall’uomo di diffondersi.

Lo studio è stato guidato da Sonia Kreidenweis della Colorado State University che insieme al proprio gruppo di ricerca ha esaminato una serie di campioni e identificato una regione atmosferica rimasta inalterata. Qui il team ha scoperto che l’aria dello strato limite che alimenta le nuvole inferiori sull’Oceano Antartico è incontaminata,  priva di particelle, chiamate aerosol, prodotte da attività antropiche o trasportate da lontano terre.

I campioni sono stati raccolti durante la campagna SOCRATES, finanziata dall’NSF, guidata dallo scienziato e coautore Paul DeMott. È stata campionata l’aria nello strato limite marino, la parte inferiore dell’atmosfera che ha un contatto diretto con l’oceano, a bordo di una nave di ricerca, la CSIRO Research Vessel Investigator mentre si dirigeva a sud dalla Tasmania fino ai confini dell’Antartico.

mappa aria pulita

@Pnas

E’ stata esaminata la composizione dei microbi presenti nell’aria Solitamente, l’atmosfera è ricca di questi microrganismi che si disperdono anche per centinaia di migliaia di chilometri, spinti dal vento.

aria pulita antartide

@Csiro

Infine, usando il sequenziamento del DNA e confrontando i risultati con le traiettorie del vento, gli scienziati hanno determinato che le origini dei microbi erano marine. In altre parole, gli aerosol provenienti da masse terrestri distanti e dalle attività umane non erano in grado di raggiungere l’aria antartica.

Una scoperta eccezionale visto che ormai l’uomo e i prodotti dell’attività umana hanno raggiunto praticamente ogni parte del pianeta, dalle profondità marine all’atmo0sfera.

“Siamo stati in grado di utilizzare i batteri presenti nell’aria sull’Oceano Antartico [SO] come strumento diagnostico per inferire le proprietà chiave della bassa atmosfera”, afferma l’ecologo microbico Thomas Hill, della Colorado State University. “Ad esempio, che gli aerosol che controllano le proprietà delle nuvole di SO sono fortemente legati ai processi biologici oceanici e che l’Antartide sembra essere isolato dalla dispersione verso sud di microrganismi e dalla deposizione di nutrienti dai continenti meridionali.”

E’ la prima volta che viene eseguito un campionamento del bioaerosol nell’Oceano Antartico così vicino all’Antartide e la pulizia dell’aria è stata una sorpresa per i ricercatori, considerando quanto siano interconnessi i sistemi meteorologici del mondo.

Stando ai loro risultati, pubblicati su Proceedings of National Academy of Sciences, questo è uno dei8 pochissimi luoghi sulla Terra non influenzato dalle attività umane.

Ogni tanto una buona notizia!

Fonti di riferimento: Sciencealert, Csiro, PNAS

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook