L’ape è il più importante essere vivente della Terra (ma forse non ce ne siamo accorti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le api sono il più importante essere vivente del Pianeta, e stavolta c’è una dichiarazione ufficiale, dell’Earthwatch Institute, che, nell’ultimo incontro della Royal Geographical Society di Londra, ha tuonato questa realtà che forse dimentichiamo o che ci fa comodo dimenticare. Le api, infatti, sono una specie in via di estinzione e l’uomo ne è corresponsabile.

Gli studi recenti mostrano un drammatico declino del numero delle api: quasi il 90% della popolazione è scomparsa negli ultimi anni. Sicuramente ci sono anche cause naturali, come predatori, nonché ciclici virus che purtroppo (o per fortuna) fanno parte del grande “gioco della natura”.

Ma incidono anche altri pesanti fattori, come l’uso incontrollato di pesticidi, la deforestazione e la mancanza di fiori, tutte cause umane. Ci stiamo dunque autodistruggendo, e non sembra esserci un’inversione di rotta, anzi (negli Usa è stato approvato recentemente l’uso del sulfoxaflor, potente insetticida tossico per questi meravigliosi insetti).

Siamo poco intelligenti, miopi, scarsamente attenti al futuro? I dati parlano chiaro: il 70% dell’agricoltura mondiale dipende esclusivamente dalle api. Le piante non possono riprodursi da sole: hanno bisogno di un “sistema di trasporto”, che la natura ha individuato proprio nelle api (insieme a bombi e con il contributo, seppur meno importante, di altri insetti come le vespe). E senza riproduzione vegetale, la fauna morirebbe presto, e quindi anche noi. Non è una sentenza apocalittica, è la realtà.

Oltre a ciò, uno studio condotto dal Centro per l’apicoltura imprenditoriale della Universidad Mayor (CeapiMayor) e l’Apiculture Corporation del Cile (Cach), con il sostegno della Fondazione per l’innovazione agraria (FIA), ha concluso che le api sono l’unico essere vivente che non porta alcun tipo di agente patogeno.

Dobbiamo agire rapidamente e per far questo abbiamo ancora alcune soluzioni, prima fra tutte le stop immediato all’uso di sostanze nocive per loro, promuovendo soluzioni agricole più sostenibili e monitorando attentamente la loro salute e il loro benessere.

Qualcosa si muove: la Francia, per esempio, ha vietato tutti i 5 pesticidi responsabili della loro morte, e poco prima l’Unione Europea aveva messo al bando alcune di queste sostanze, anche se solo tre e solo in campo aperto.

Se le api scomparissero, gli umani avrebbero 4 anni di vita” si narra abbia detto Einstein. Al famoso fisico sono stati attribuiti tanti aforismi e non si ha il realtà la certezza che siano tutti suoi. Ma questo, che l’abbia detto lui o no, è un monito che non dobbiamo dimenticare, anche fossimo solo terribilmente egoisti.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook