L’umanità non si salverà dalla catastrofe del Pianeta (lo faranno solo i più ricchi). L’allarme Onu

apartheid clima

Il riscaldamento globale sta creando un vero e proprio apartheid climatico con 120 milioni di poveri in più entro il 2030. È il nuovo allarme lanciato dall’Onu, secondo cui i cambiamenti climatici stanno annullando gli ultimi 50 anni di sviluppo in termini di salute globale e riduzione della povertà.

Secondo le Nazioni Unite, anche se verranno raggiunti gli attuali obiettivi di riduzione delle emissioni, decine di milioni di persone diventeranno sempre più povere e cercheranno di lasciare i loro paesi d’origine per sfuggire alla fame.

I cambiamenti climatici avranno il maggiore impatto sui paesi più poveri e ciò potrebbe gravare su altre 120 milioni di persone da qui al 2030.

Anche nello scenario migliore di un aumento della temperatura di 1,5 ° C entro il 2100, le temperature estreme raggiunte in molte aree del pianeta metteranno in ginocchio le popolazioni già svantaggiate, con redditi sempre più bassi e un generale peggioramento della salute. In molti saranno costretti a scegliere tra fame e migrazione.

Paradossalmente, anche se le persone che oggi vivono in povertà sono responsabili solo di una frazione delle emissioni globali, saranno loro a dover sopportare il peso maggiore dei cambiamenti climatici e avranno anche minori possibilità di difendersi.

“Rischiamo uno scenario di apartheid climatico in cui i ricchi pagheranno per sfuggire al riscaldamento globale, alla fame e ai conflitti mentre il resto del mondo sarà lasciato a soffrire” ha detto il Relatore speciale delle Nazioni Unite sull’estrema povertà e diritti umani, Philip Alston.

Ormai è evidente. I cambiamenti climatici hanno profonde implicazioni sui diritti umani:

“La maggior parte degli organismi per i diritti umani ha appena iniziato a cogliere quello che i cambiamenti climatici fanno presagire per i diritti umani” prosegue. Alston.

Complici anche l’inattività della politica e gli interessi economici non sempre a favore dell’ambiente, quello che una volta era considerato un riscaldamento catastrofico oggi appare come lo scenario migliore.

Eppure, nonostante la consapevolezza globale, ancora oggi troppi paesi stanno ignorando il problema, Italia inclusa. Gli stati non riescono nemmeno a rispettare gli attuali impegni di riduzione delle emissioni di carbonio e continuano a sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili con 5,2 trilioni di dollari l’anno.

“Mantenere l’attuale corso è una ricetta per la catastrofe economica”, ha spiegato Alston, sottolineando che, mentre prosperità economica e sostenibilità ambientale sono “pienamente compatibili”, richiedono di “dissociare il benessere economico e la riduzione della povertà dalle emissioni di combustibili fossili”.

Siamo alla resa dei conti. Ogni giorno, ogni anno che passa avvicina sempre di più l’umanità al baratro.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

tuvali
seguici su Facebook