Anti-zanzare biologici? A Roma arrivano i pipistrelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando è il caso di dire che il pipistrello salva una città. Non siamo a Gothan City, ma a Roma e il nemico da sconfiggere non è né Jocker, né CatWoman, bensì la famigerata zanzara tigre. Solo che il pipistrello in questione non è uno, ma decine di chirotteri affamati che non abitano nella BatCaverna, ma nelle Bat-box – letteralmente scatole per pipistrelli – appena installate dall‘Ater nel quartiere Corviale.

L’istituto che gestisce le case popolari nella capitale ha deciso di seguire l’esempio di città come Asti ed utilizzare i pipistrelli per la lotta biologica alle zanzare. Niente insetticida, niente disinfestazioni, niente piastrine, né candele alla citronella perché ci pensano questi piccoli mammiferi a farle fuori tutte in poco tempo. Ogni pipistrello, infatti, può cibarsi di duemila insetti per notte risultando un alleato perfetto e completamente naturale alla lotta contro le zanzare, uno dei maggiori incubi dell’estate.

Ed è così sono state montate negli stabili di Corviale di proprietà dell’ente ben 25 casette per offrire rifugio ai pipistrelli, “un segnale importante sulla strada del rispetto e della tutela ambientale” – ha dichiarato Luca Petrucci, presidente dell’Ater – “l’intenzione quella di coinvolgere nell’iniziativa, dopo l’esperimento-pilota di Corviale, via via tutti gli stabili che insistono sulle nostre proprietà, compatibilmente con le caratteristiche strutturali del territorio, perché crediamo fermamente in questo progetto che permette di conciliare le esigenze degli utenti con la tutela e il rispetto dell’ambiente“.

bat_boxGli effetti però di questa inizitiva, non saranno però immediati in quanto l’installazione delle bat-box darà inizio all’insediamento dei pipistrelli che cominceranno ad essere efficaci nei prossimi mesi e, più concretamente a partire dal prossimo anno.

E per chi volesse “ospitare” un pipistrello e mandare in pensione i maleodoranti quanto poco salubri zampironi, può provare a costruirsela da sé: il Museo di Storia Naturale “La Specola di Firenze, promotore del progetto “Un pipistrello per amico“, dà tutte le informazioni per costruire la propria personale bat-box. Se il fai-da-te però non è il vostro forte, potete acquistarla direttamente al supermercato. Ma solo in Toscana dove sono state messe in vendita, da oltre un anno, bat-box in legno multistrato di betulla, senza colle e coloranti nocivi, inodori, e delle dimensioni giuste (circa 35 centimetri di larghezza per 60 d’altezza e solo 5 centimetri di spessore) per favorire l’insediamento.

Una volta armati di bat box, attenzione a dove decidete di inserirla in quanto la localizzazione è fondamentale: è consiglibile montarle su una parete esterna di casa, a circa 4 metri d’altezza dal suolo, meglio se vicino alla vegetazione oppure su un tronco d’albero.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook