Antartide: un enorme Iceberg alla deriva verso l’Oceano Atlantico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ne ha dato annuncio la Nasa, attraverso la documentazione fotografica raccolta da satellite e il proprio sito web. Un enorme iceberg si è staccato dai ghiacci dell’Antartide e si troverebbe ora alla deriva verso l’Oceano Atlantico. Il fenomeno è stato rilevato da un satellite europeo e riguarda il ghiacciaio di Pine Island.

La formazione della spaccatura che avrebbe portato via via al distacco dell’iceberg era già stata individuata ad ottobre 2011 dalla Nasa, durante l’Operazione IceBridge. Il fenomeno fu posto subito al centro dell’attenzione scientifica internazionale. Si è poi verificata una vera e propria frattura, che ha portato alla formazione di un isola di ghiaccio di 280 miglia quadrate, che darà agli esperti una nuova opportunità per raccogliere dati e per migliorare la conoscenza sul distacco degli iceberg.

Sono serviti due anni all’iceberg per alontnarsi completamente dalla propria base. Il distacco definitivo è avvenuto tra il 9 e l’11 novembre. Sotto accusa troviamo il riscaldamento globale, che negli ultimi anni si sta rivelando responsabile dello scioglimento delle calotte polari e del distaccamento di ampie porzioni di ghiaccio. Ciò che si teme è che l’iceberg, battezzato con la sigla B-31, possa raggiungere le rotte navali nella sua deriva dal Mar di Amundsen verso l’Oceano Atlantico.

Le dimensioni dell’Iceberg corrispondono a circa 700 chilometri quadrati. Il gigante di ghiaccio è dunque tanto ampio quanto Singapore, o forse ancora di più. Lo spessore della piattaforma di ghiaccio sarebbe compreso tra i 200 e i 1200 metri di altezza.

iceberg nasa

iceberg nasa 1

Il gigante non si sciglierà completamente prima di alcuni anni. La Nasa e gli esperti coinvolti calcoleranno il momento e la posizione in cui l’iceberg potrà ostacolare le rotte commerciali. Insieme determineranno dove si troverà l’iceberg nei prossimi 6 mesi, dopo aver monitorato progressivamente il distacco, così da evitare eventuali incidenti in mare.

Marta Albè

Fonte foto: nasa.gov

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook