Il 2020 potrebbe essere l’anno più caldo della Terra, secondo gli scienziati del NOAA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 2020 ha quasi il 75% di probabilità di essere l’anno più caldo mai registrato sul pianeta Terra. A dirlo sono gli scienziati del National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA), agenzia federale statunitense che si occupa di oceanografia, meteorologia e climatologia.

Gli esperti americani hanno annunciato ieri i principali risultati delle analisi climatiche globali e statunitensi del NOAA, relative al mese di marzo, nonché le ultime previsioni stagionali su temperatura, precipitazioni e siccità fino a luglio.

Il dato più importante emerso dall’incontro virtuale, una teleconferenza a cui hanno partecipato esperti e giornalisti, è che il 2020 ha quasi il 75% di probabilità di essere l’anno più caldo mai registrato sul pianeta Terra.

Già, nei primi tre mesi dell’anno, è risultato essere il secondo più caldo, superato solo dal 2016 a causa del forte El Niño, fenomeno climatico periodico che provoca un riscaldamento naturale dell’acqua tropicale dell’Oceano Pacifico influenzando le temperature in tutto il mondo.

Il calore di quest’anno è “insolito”, data la mancanza di un forte El Niño. Anche in sua assenza, infatti, febbraio e marzo sono stati i mesi più caldi di sempre. La tendenza a lungo termine di questo aumento di calore che si registra sul pianeta è dovuta alle emissioni di gas serra, causate dall’utilizzo di combustibili fossili.

Anche se il 2020, alla fine, non si rivelasse l’anno più caldo di sempre, gli scienziati NOAA affermano che vi sono il 99,9% di possibilità che il 2020 finisca tra i 5 anni più caldi mai registrati.

“Le temperature da gennaio a marzo sono state record per tutta Europa, Asia, America centrale e meridionale, nonché per gli oceani Atlantico, Indiano e del Pacifico occidentale” hanno dichiarato gli esperti.

Guardando al futuro, gli scienziati del NOAA hanno affermato che fino alla fine dell’estate, non dovrebbe formarsi né un El Niño né la sua controparte La Niña (questa corrisponde alla situazione opposta del Niño, cioè si accentuano e si amplificano le condizioni di circolazione oceanica e atmosferica normali). Le probabilità di formazione de La Niña aumentano però dal 35% al 40% entro la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno.

La Niña, caratterizzata da temperature oceaniche più fredde della media nell’Oceano Pacifico tropicale, può causare una stagione degli uragani nell’Atlantico più attiva e, più in generale, potrebbe aiutare a stemperare l’eccessivo calore a livello globale e dunque far sì che quest’anno non batta il record del 2016.

Lo scopriremo presto!

Fonti: NOAA/ Usa Today

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook