Arrivano a Lecce i supercomputer per studiare i cambiamenti climatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Immaginate di avere in uno stadio di calcio all’incirca 20 mila persone, ciascuna con un computer simili a quelli che usiamo nelle nostre case e nei nostri uffici, tutti che lavorano simultaneamente all’elaborazione di dati per capire gli sviluppi del clima nei prossimi decenni.

Bene, questo lavoro sta per essere svolto da due supercomputer di ultima generazione nel nuovo Centro di Supercalcolo del CMCC (Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamento Climatici) che ne faranno una delle strutture più importanti d’Europa.

Con una capacità di elaborazione complessiva di 30 mila miliardi di operazioni al secondo, i due calcolatori (un IBM Power 6 e un NEC SX-9/112M7) saranno il cuore di una rete di tecnologie avanzate che serviranno a prevedere come sarà il clima nei prossimi decenni e quali impatti potrà avere sull’economia, sui mari e le coste, sull’agricoltura e sugli ecosistemi.

La conferenza stampa di presentazione avrà luogo venerdì 30 gennaio, alle ore 12.00, al Centro di Supercalcolo presso Ecotekne Lecce, Via per Monteroni, complesso Ecotekne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook