Gli incendi in Amazzonia stanno anche facendo ammalare i bambini delle tribù incontattate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le loro terre ancestrali sono distrutte da incendi, deforestazione e piantagioni e in molti villaggi le fiamme hanno raso al suolo gli ultimi rifugi nella foresta, un tempo luogo sicuro per la tribù in contattata degli Awà. Tanti bambini si stanno ammalato per colpa dell’aria e tantissimi animali sono morti per il fuoco.

Secondo Survival, i taglialegna avrebbero appiccato focolai e starebbero impedendo all’esercito di spegnere il fuoco. Sono armati e pericolosi e rappresentano una seria minaccia per le tribù che hanno come loro unica fonte di sostentamento Madre Terra.

“Stiamo mettendo i nostri corpi e le nostre vite in prima linea per cercare di salvare i nostri territori. Sono decenni che noi popoli indigeni denunciamo le violazioni che subiamo ovunque in Brasile. Sotto il governo anti-indigeno di Jair Bolsonaro, queste minacce si sono ora drammaticamente aggravate, perché [la sua politica] normalizza, incita e dà forza alla violenza contro l’ambiente e contro di noi, i popoli indigeni e i nostri territori”, ha chiosato la leader indigena Sonia Guajajara.

La stessa situazione c’è nella parte del Brasile in cui vive la tribù degli Uru Eu Wau Wau, alcuni dei quali sono ancora incontattati.

“Gli Uru Eu Wau Wau sono noti come il “popolo dell’Aquila Arpia”, perché usano le enormi piume dell’uccello per le frecce da caccia e i copricapo. Chiamano i loro vicini incontattati “Jururei”, che significa “coraggiosi”. La loro riserva è stata a lungo presa di mira da allevatori e coloni”, spiega Survival.

Alcuni membri del popolo dei Guajajara, vicini degli Awá, sono da tanto tempo impegnati nella protezione delle foreste degli Awá incontattati. I Guardiani Guajajara pattugliano regolarmente la foresta a rischio della propria vita per espellere i taglialegna e in passato hanno anche fronteggiato altri incendi nell’area.

“Gli incendi stanno distruggendo le foreste rimaste in queste regioni, spazi vitali per la sopravvivenza dei nostri parenti. Ci sono popoli isolati anche nello stato di Mato Grosso. Lo stato brasiliano non ha ancora riconosciuto la presenza di molti di loro, che potrebbero essere ora in fuga o subire violenza a causa degli alti tassi di deforestazione e incendio”, ha dichiarato COIAB, l’organismo di coordinamento delle organizzazioni indigene dell’Amazzonia brasiliana.

Ricordiamo che le tribù incontattate sono i popoli più vulnerabili del pianeta e gli Awá, noti come la Tribù più minacciata della Terra, sono già sottoposti a forti pressioni poiché i taglialegna illegali stanno devastando i loro territori, che sono rimaste come vere e proprie isole di verde in mezzo a un mare di deforestazione.

“Questi incendi non sono solo una catastrofe ambientale, ma sono anche dei potenziali genocidi. Incoraggiando gli invasori e gli allevatori che hanno appiccato questi incendi, il presidente Bolsonaro sta firmando una condanna a morte per le tribù incontattate le cui case stanno andando in fiamme. Se la loro foresta muore, semplicemente non sopravviveranno”, ha spiegato ol direttore generale di Survival International Stephen Corry.

Sin dalla settimana scorsa, i leader indigeni di tutta la regione amazzonica brasiliana denunciano gli incendi devastanti che li hanno colpiti come una “pestilenza” e atti di “terrore” che “fanno ammalare i nostri bambini e uccidono gli animali”.

Leggi tutti i nostri articoli sugli incendi in Amazzonia e in particolare:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook