L’Amazzonia sta bruciando da tre settimane, perché (non) se ne parla solo adesso?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo scorso lunedì, in pieno giorno, il cielo di San Paolo in Brasile si è oscurato facendo piombare la città in un surreale buio.

Colpa del fumo denso e nero che si è innalzato dagli incendi nella foresta amazzonica e che grazie al vento si è diffuso a diverse miglia di distanza fino a raggiungere le coste brasiliane.

Da allora, grazie alle immagini e ai video diffusi da tantissimi utenti sui Social Network si sono accesi i riflettori sui gravissimi incendi che stanno distruggendo la più importante foresta pluviale del Pianeta.

Gli incendi però stanno interessando la foresta amazzonica da diverso tempo: solo nel 2019 il National Institute for Space Research (Inpe) brasiliano ne ha registrati più di 74mila e i roghi ripresi nelle immagini satellitari della NASA interessano la regione da almeno tre settimane.

Come mai i principali media non hanno parlato prima del disastro che sta accadendo nella foresta amazzonica? Questa è la domanda che molti utenti si stanno ponendo in questi giorni

View this post on Instagram

Thanks for sharing @thegreenhub_ “What's happening in the Amazon right now is beyond horrific. Made worse by the fact that the world is oblivious because most mainstream media is just not reporting on it! The world was outraged when Notre Dame was on fire, why is the #AmazonRainforest not receiving the same level of coverage?? We're watching a global disaster literally unfold in front of our eyes!! The Amazon produces more than 20% of the world's oxygen supply. Acres of rainforest is burning to the ground, indigenous communities are losing their homes, we're losing biodiversity, and accelerating climate change. Scrolling through my feed and seeing the lungs of our planet burning I feel so fucking helpless and I'm sure you do too. While there's not a whole lot we can physically do, there are ways we can help through activism and support to have a long-lasting impact. – TALK ABOUT IT. We need this to spread throughout the world. Shout about the problem from the rooftops, on social media, tell friends, family co-workers. Write to your local media outlets and tell them they should be reporting on this. Make our voices heard! – Sign a petition through @greenpeace to tell the Brazillian government to protect the rainforest and the lands of the indigenous communities. – Buy land through the Rainforest Action Network to protect an acre of land. – Donate to @wwf to help protect the important species living in the jungle. – EAT LESS MEAT. Cattle need cleared land to graze and one way to do that is knock down a rainforest. A hamburger is just not worth it. 🌱 If you have anything to add please leave them in the comments. The only way we can save the Amazon is by working together.

A post shared by Safia Minney (@safia_minney) on

Purtroppo trovare una risposta non è semplice e possiamo solo azzardare delle ipotesi.
La situazione difficile dell’Amazzonia non è una novità, anzi continua da diversi anni e con il governo Bolsonaro si è ulteriormente aggravata.

La deforestazione della foresta amazzonica purtroppo è in costante aumento ed è portata avanti per fare spazio ad attività produttive come l’allevamento di bovini, l’agricoltura, il commercio di legna e l’attività mineraria.

L’abbattimento degli alberi in Amazzonia provoca danni a livello locale e globale. Localmente, a farne le spese sono soprattutto gli indigeni costretti ad abbandonare i luoghi in cui vivono: gli indigeni hanno spesso lanciato l’allarme sui rischi della foresta e difendono costantemente le loro terre anche a costo della propria vita.

Per gli indigeni non è però per nulla facile far sentire la propria voce, poiché non viene data loro visibilità dai media, dunque le loro battaglie vengono ignorate dal resto del mondo.

La scomparsa della foresta pluviale dovrebbe interessare tutti noi, poiché grazie a essa viene prodotto il 20% di ossigeno che respiriamo.

Inoltre, la perdita di alberi causa una pericolosa diminuzione di biodiversità e abbassa notevolmente le nostre possibilità di riuscire a far fronte alle conseguenze catastrofiche del riscaldamento globale.

Per questo i governi precedenti a quello attualmente in carica hanno cercato di adottare delle misure per tutelare la foresta amazzonica e frenare il disboscamento.

Bolsonaro ha però invertito questa tendenza e, sotto il suo governo, in pochi mesi la deforestazione è aumentata oltre l’80%, arrivando a livelli a dir poco allarmanti.

Il presidente brasiliano incolpa le ONG di aver appiccato gli incendi per screditare l’operato del suo governo, ma l’ipotesi più probabile è che i fuochi siano frutto di un’azione scellerata di allevatori e agricoltori per liberare l’Amazzonia dagli alberi, così da ottenere più terra da destinare ad attività produttive.

Bolsonaro non ha mai fatto mistero di mettere al primo posto l’economia del Paese anziché l’ambiente.

L’intenzione del presidente è quella di favorire lo sviluppo del Brasile e, a questo scopo, i Paesi del Mercosur hanno recentemente siglato un accordo con l’Unione europea per aumentare le importazioni di prodotti.

Una delle clausole dell’intesa commerciale è la tutela della foresta e gli stati europei potrebbero voler rivedere i termini del concordato se tale clausula non venisse rispettata: ma come può il Brasile aumentare la produzione di carne di manzo senza rubare terra alla foresta?

In un contesto del genere, è chiaro che non esiste interesse a divulgare i dati relativi alla deforestazione o a informare il mondo riguardo agli incendi che stanno distruggendo la foresta.

Tutti noi abbiamo saputo in ritardo dei roghi che da settimane devastano l’Amazzonia e le informazioni sono arrivate grazie agli utenti che hanno condiviso le immagini di San Paolo oscurata in pieno giorno dal fumo proveniente dalla foresta.

Grazie alle immagini divulgate su Social Network si è iniziato a parlare di Amazzonia: l’hashtag #AmazonRainforest si è classificato tra i primi cinque trend su Twitter e moltissime persone che prima ignoravano il problema stanno scoprendo in questi giorni ciò che sta succedendo da anni nel più grande polmone verde del mondo.

Sebbene sia triste che l’interesse verso la foresta amazzonica sia arrivato solo ora, è un bene che finalmente siano venute alla luce le azioni irresponsabili del governo Bolsonaro.

La speranza è che da adesso in poi si agisca per far sentire la propria voce e fare pressioni sui governi che vogliono stipulare accordi commerciali con il Brasile, boicottare le aziende che approfittano della distruzione e sostenere le organizzazioni indigene che resistono ogni giorno alla devastazione della foresta.

Leggi tutti i nostri aggiornamenti sugli incendi in Amazzonia

Ti potrebbe interessare anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook