Amazzonia: il polmone verde non assorbe più CO2, anzi contribuisce a produrne. Colpa della siccità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La foresta amazzonica nel 2010 ha prodotto più 2“>anidride carbonica di quanta sia stata in grado di assorbire. Colpa dell’ intensa siccità che si è abbattuta sul “polmone verde” – più diffusa ancora di quella del 2005, finora la più grave degli ultimi 100 anni – che rischia di accelerare pesantemente il riscaldamento globale. Ad affermarlo uno studio portato avanti dagli scienziati della Leeds University che verrà pubblicato nel prossimo numero di Science e ripreso dall‘Indipendent.

Per la seconda volta in meno di un decennio l’Amazzonia ha rilasciato più anidride carbonica di quanta ne abbia assorbita perché molti dei suoi alberi sono morti per mancanza di acqua. Le cause di questi due inusuali periodi di siccità, verificati nel giro di soli due anni, secondo gli scienziati, andrebbero ricercate nell’aumento della temperatura della superficie del mare nell’Atlantico tropicale ma anche probabilmente dalla presenza di maggiori gas serra in atmosfera. Un cane che si morde la coda?

Secondo Simon Lewis che ha coordinato lo studio, questo “circolo vizioso” è “estremamente preoccupante” perché “non si può giocare alla roulette russa con la più grande foresta pluviale del pianeta” e bisogna “limitare le emissioni dei combustibili fossili

Due siccità inusuali ed estreme che si verificano nell’arco di un decennio possono ampiamente compensare il carbonio assorbito dalle foreste amazzoniche rimaste intatte in quel periodo. – dichiara Lewis – Ma se eventi come questo accadessero più spesso, la foresta amazzonica potrebbe raggiungere un punto in cui passerebbe da essere un prezioso serbatoio di carbonio che contribuisce al rallentamento dei cambiamenti climatici, ad una delle principali fonti di gas serra che accelererebbero gli effetti sul clima. Avere due eventi di questa portata in stretta successione è estremamente insolito, ma è purtroppo in linea con quelli dei modelli climatici che proiettano un triste futuro per l’Amazzonia “.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook