Le terribili immagini e i video della bomba d’acqua che ha devastato Palermo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi per i palermitani doveva essere una giornata di festa, la “festa” per eccellenza, con le celebrazioni per la patrona, S. Rosalia. Ma una violenta bomba d’acqua ha mandato in tilt la città e messo in pericolo centinaia di automobilisti.

In pochi minuti sulla città si è abbattuta una bomba d’acqua che ha trasformato la principale arteria di Palermo, Viale della Regione Siciliana in un fiume di fango. Auto travolte, ribaltate, trascinate dalla furia delle acque, gente che nuotava nel fango per salvarsi, urla dalle abitazioni e dai cavalcavia.

“Oltre un metro di pioggia è caduta oggi a Palermo in meno di 2 ore. La pioggia più violenta nella storia della città almeno dal 1790, pari a quella che cade in un anno. Una pioggia che nessuno, nemmeno i metereologi che curano le previsioni nazionali, aveva previsto, tanto che nessuna allerta di Protezione Civile era stato emanata per la nostra città” si è difeso il sindaco Leoluca Orlando. “Se l’allerta fosse stata diramata, sarebbero state attivate le procedure ordinarie che, pur nella straordinarietà degli eventi di oggi, avrebbero potuto mitigare i rischi”.

Da oltre due secoli, secondo Orlando, sulla città non cadeva tanta pioggia in così poco tempo. In 120 minuti su Palermo si è abbattuta la stessa quantità d’acqua che arriva in un anno.

Un evento tanto estremo quanto imprevedibile, letteralmente, visto che non c’era stata alcuna allerta meteo da parte della Protezione civile. La stazione meteo dell’Osservatorio Astronomico ha registrato 79,4 mm fino all’aggiornamento del pomeriggio facendo registrare un record per il mese di luglio a Palermo dal 1797.

 

Due bambini ricoverati

Una delle aree più critiche è il sottopasso di Viale Lazio che in altre occasioni, anche con piogge meno abbondanti, ha subito gravi allagamenti. Ma questa volta, complice anche una quantità d’acqua che ha pochi precedenti nella storia, stava per accadere il peggio. Lì hanno rischiato la vita tante persone.

Purtroppo anche due bambini sono in gravi condizioni e sono stati ricoverati in ospedale a causa di una grave ipotermia. Numerosi gli interventi dei Vigili del fuoco e dei sommozzatori per liberare vari palermitani rimasti prigionieri nelle loro auto, mentre le strade si trasformavano in fiumi di fango.

Le terribili immagini e i video

Non ci sono parole. Le immagini, le urla dei palermitani fanno davvero rabbrividire. Anche chi assiste dai balconi e dalle finestre è sgomento.

 

 

Fonti di riferimento: Comune di Palermo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook