Alberi in periferia: come puoi contribuire a rendere più verde la tua città… dal basso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche tu nel tuo piccolo puoi contribuire a rendere più verde la tua città! Come? Piantando un albero in giardino o nell’aiuola di fronte a casa tua, ma se non hai spazio o tempo puoi farlo comunque, partecipando a veri e propri progetti di riqualificazione “dal basso”, come Alberi in periferia, un’iniziativa che abbiamo deciso di sostenere contribuendo alla promozione della campagna di crowdfunding.

Tutto questo per un unico obiettivo: gli alberi in città sono una vera manna dal cielo, una boccata d’ossigeno, una ventata di freschezza. In più donano bellezza e quel qualcosa in più che ora più che mai deve necessariamente entrare a far parte dei progetti di riqualificazione urbana. Il motivo? Non c’è più tempo per far finta che il verde nelle nostre città non sia di vitale importanza.

Già, perché avere alberi in città significa renderle più vivibili, significa riqualificare esteticamente i quartieri, ripulire l’aria dalle sostanze inquinanti nelle strade più trafficate e offrire ombra a pedoni e ciclisti.

Ed è perché crediamo fortemente in tutto questo che noi di greenMe abbiamo deciso di essere mediapartner ufficiale di “Alberi in Periferia”, il progetto la cui missione è proprio piantare quanti più alberi possibile in aree della periferia, chiamando come protagonisti i cittadini e le associazioni di volontari, il tutto con il supporto delle amministrazioni.

Perché piantare alberi in città

Gli alberi e le piante in generale rappresentano il migliore organismo capace di limitare l’aumento di anidride carbonica. Attraverso il processo della fotosintesi, infatti, un albero può trasformare l’acqua e l’anidride carbonica in ossigeno, utilizzando l’energia proveniente dai raggi solari. Una pianta adulta produce in un anno una quantità di ossigeno che copre il fabbisogno annuo di 10 persone. Va da sé, quindi, che gli alberi

  • puliscono l’aria e l’acqua
  • sono alleati del clima: grazie alla loro funzione di “depuratore naturale dell’aria”, gli alberi aiutano a mitigare l’effetto serra assorbendo l’anidride carbonica e le altre emissioni di origine antropica che contribuiscono a modificare il clima
  • sono alleati del suolo e riducono il rischio idraulico
  • aumentano la biodiversità, perché nelle chiome e nelle cortecce vivono animali, come insetti, piccoli invertebrati, uccelli, roditori, e vari tipi di muschi
  • proteggono dai rumori. Possono infatti essere barriere fonoassorbenti naturali: si stima infatti che fasce di vegetazione poste lungo le strade possono ridurre i rumori del 70-80%.
  • danno ombra
  • contribuiscono al benessere psico-fisico dell’uomo: le forme e i colori delle foglie, i fiori e le cortecce ravvivano e rallegrano gli spazi urbani influendo positivamente sulla salute psicofisica
  • sono anche la nostra memoria storica: alcuni, infatti, hanno un’importanza particolare per essere eccezionalmente vecchi, altri per esser stati al centro di episodi storici o per essere legati a episodi della vita di uomini illustri

Il progetto Alberi in Periferia

Alberi in Periferia è un progetto partecipato che ha come obiettivo la ri-forestazione sostenibile della città. Si tratta di una partnership tra associazionismo e cittadinanza, privato e pubblico (può infatti rientrare nelle attività di responsabilità sociale delle imprese), il cui scopo è uno soltanto: rendere belle le nostre città.

Come? Piantando nuovi alberi sul territorio e il procedimento è semplice:

  • vengono messi a dimora alberi veri per garantire un miglior attecchimento e iniziare da subito a fornire i loro benefici. Sono alti circa 2 metri e sono prevalentemente olivi, allori, alberi da frutto, e comunque alberi autoctoni. Sono specie di alberi che garantiscono una buona probabilità di attecchimento nel contesto urbano valorizzando in maniera ragionata il patrimonio verde
  • i volontari garantiscono la manutenzione delle piante almeno per i successivi due anni dopo piantumazione per garantirne l’attecchimento (gli alberi appena piantati hanno bisogno – se non piove – di 50 litri di acqua ogni 15-20 giorni per almeno 2 anni
  • per questo ci sarà un’annaffiatura straordinaria con autobotte nel periodo primaverile/estivo per almeno i primi due anni (nel caso di assenza dei volontari)
  • sono previste opere di mantenimento (come la concimazione) per almeno i primi due anni

La donazione

Aiuta i volontari a piantare almeno 50 alberi nelle periferie di Roma!

L’associazione guidata da Andrea Loreti ha già piantato in meno di un anno circa 100 alberi in zone periferiche da riqualificare, coinvolgendo comitati di quartiere, altre associazioni di volontariato e singoli cittadini.

Ma ora c’è bisogno del tuo aiuto per piantare almeno altri 50 alberi, per continuare a dare il nostro contributo alla salvaguardia dell’ambiente, migliorare la qualità della vita nelle periferie e creare momenti di socialità e partecipazione.

Donando da QUI potremo contribuire all’acquisto di alberi e relativi tutori, individuando le aree pubbliche dove piantumare. L’associazione monitorerà tramite consulenza di un esperto forestale l’attecchimento e le azioni conservative e attiverà la collaborazione con comitati di quartiere o associazioni di volontariato

Fai QUI la tua donazione.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook