Acqua calda in Antartide: lo strato di ghiaccio si sta sciogliendo. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Acqua calda sotto un ghiacciaio in Antartide a causa del riscaldamento globale: la scoperta allarmante, compiuta da un gruppo di ricerca guidato dalla New York University (Usa), solleva preoccupazioni anche per l’aumento del livello del mare in tutto il mondo.

I ricercatori hanno indagato in un sito di trivellazione dopo una tempesta di tre giorni che si era abbattuta nella zona con venti che hanno raggiunto i 50 nodi. Trovando, incredibilmente, acqua calda, una prova che il ghiaccio sovrastante si sta sciogliendo.

E non solo: l’acqua a temperatura più elevata può a sua volta contribuire allo scioglimento del ghiaccio sovrastante, con conseguenze potenzialmente disastrose. La scienza, come fa da molto tempo, continua a gridare allarmi.

antartide acqua calda

Foto: New York University

La temperatura registrata, in particolare, supera i due gradi nel ghiacciaio Thwaiti, parte della calotta glaciale antartica occidentale. La scoperta è stata fatta nella zona considerata chiave del tasso complessivo di ritirata di un ghiacciaio.

“Le acque calde in questa parte del mondo, per quanto remote possano sembrare, dovrebbero servire da monito per tutti noi sui potenziali terribili cambiamenti nel pianeta causati dai cambiamenti climatici – spiega David Holland, che ha guidato la ricerca – Se queste acque causassero lo scioglimento dei ghiacciai in Antartide, i conseguenti cambiamenti del livello del mare sarebbero avvertiti nelle parti più abitate del mondo”.

Il disastro colpirebbe infatti una massa d’acqua che ha all’incirca le dimensioni della Gran Bretagna o dello stato della Florida, e che attualmente rappresenta circa il 4% dell’innalzamento globale del livello del mare.

Cosa ancora più preoccupante, alcuni scienziati vedono Thwaiti come il ghiacciaio più vulnerabile e più significativo del mondo in termini di futuro innalzamento globale del livello del mare: il suo crollo aumenterebbe il livello globale di quasi un metro, rischiando di travolgere le aree popolate esistenti.

antartide acqua calda

Foto: New York University

Il fatto che il ghiacciaio si stesse ritirando era già tristemente noto, ma le cause alla base di questo cambiamento non erano state determinate. Le misurazioni degli scienziati sono state effettuate all’inizio di gennaio, tramite un dispositivo che misura la turbolenza dell’acqua e altre proprietà come la temperatura. Con risultati inequivocabili.

Cosa hanno dovranno trovare ancora gli scienziati per convincere tutti a invertire la rotta?

La ricerca è parte del progetto International Thwaites Glacier Collaboration (ITGC), finanziato dalla National Science Foundation.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook