Pagella dei cambiamenti climatici: ecco i Paesi che stanno raggiungendo obiettivi (e quelli che neanche ci stanno provando)

emissioni co2

Con l’Accordo di Parigi, 196 stati si sono impegnati per contenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto di 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) rispetto ai livelli preindustriali e, in definitiva, per limitare tale aumento a 1,5 gradi C(2,7 gradi F). Sono passati tre anni dalla ratifica, cosa è cambiato? Qual è la situazione degli Stati firmatari?

La speranza era quella che con questo accordo si iniziassero davvero a ridurre le emissioni di Co2 e la dipendenza globale dalle fonti fossili.I paesi stanno facendo progressi? Che tipo? A dircelo è il Climate Action Tracker (CAT), un’analisi scientifica indipendente prodotta da tre organizzazioni di ricerca che monitorano l’azione per il clima dal 2009 e che seguono i paesi che hanno firmato l’accordo al fine di valutare se sono sulla buona strada per raggiungere questi obiettivi.

“Pochi importanti produttori di emissioni stanno intraprendendo il tipo di azione giusta, ma alcuni, come India, UE e Cina, potrebbero intensificare i loro obiettivi al vertice sul clima di New York”, afferma Bill Hare, CEO di Climate Analytics,una delle organizzazioni costituenti del CAT.

“Tuttavia, se tutti i governi raggiungessero il loro obiettivo dell’Accordo di Parigi, calcoliamo che il mondo vedrebbe ancora 3 C di riscaldamento in più. Abbiamo ancora molta strada da fare “, continua.

I Paesi che stanno raggiungendo i migliori progressi

Marocco

Secondo CAT, il Marocco è uno dei due primi due paesi con un piano per ridurre le proprie emissioni di CO2 a un livello coerente con la limitazione del riscaldamento a 1,5 gradi C. La strategia energetica nazionale del Marocco prevede di generare il 42 percento della sua produzione di elettricità da fonti rinnovabili entro il 2020, e il 52 percento entro il 2030. Già è al 35 percento, grazie a progetti come il Noor Ouarzazate , il più grande impianto solare  al mondo, che copre un’area delle dimensioni di 3.500 campi da calcio, genera abbastanza elettricità per alimentare due città delle dimensioni di Marrakech.

Gambia

Il Gambia è l’altro paese con una strategia di riduzione delle emissioni di 1,5 ° C. Come per il Marocco, uno dei suoi principali percorsi di riduzione è l’uso delle energie rinnovabili, sotto forma di un programma che aumenterà la capacità elettrica del paese di un quinto attraverso la costruzione di uno dei più grandi impianti fotovoltaici nell’Africa occidentale . Il paese ha anche lanciato un grande progetto per ripristinare 10.000 ettari di foreste , mangrovie e savane. Sta inoltre sostituendo le risaie allagate con risaie montane secche e promuovendo l’adozione di stufe efficienti per ridurre l’uso eccessivo delle risorse forestali.

India

L’India è emersa come leader globale nelle energie rinnovabili: ha stabilito l’obiettivo di generare il 40 percento della sua potenza attraverso le energie rinnovabili entro il 2030. Visti i progressi potrebbe raggiungere l’obiettivo con anticipo. Il CAT calcola che il piano dell’India è compatibile con un aumento di 2 gradi C, ma che il suo piano nazionale per l’energia potrebbe essere compatibile con 1,5 gradi C se il paese, abbandonasse i piani per la costruzione di nuove centrali a carbone.

Costa Rica

Il Costa Rica punta a che la sua produzione di elettricità sia rinnovabile al 100 percento entro il 2021. Nel 2018 ha generato il 98 percento della sua elettricità da fonti rinnovabili – principalmente energia idroelettrica – per il quarto anno consecutivo . Due terzi delle sue emissioni di gas serra provengono dai trasporti e il paese ha reso una priorità nazionale l’utilizzo di energia rinnovabile attraverso le sue strade e rotaie. Nel febbraio 2019, il Costa Rica ha esteso una moratoria sull’estrazione e lo sfruttamento del petrolio dal 2021 fino alla fine del 2050.

Unione Europea

L’UE nel 2009, ha fissato l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 20 percento entro il 2020 e  del 40% entro il 2030. Le sue attuali politiche, se pienamente attuate, gli consentirebbero di superare tale obiettivo. A maggio, l’UE ha formalmente adottato una serie di misure che includevano un obiettivo vincolante per il 32 percento della produzione di elettricità proveniente da fonti energetiche rinnovabili entro il 2030. Il CAT calcola che il raggiungimento di questo e di altri obiettivi contenuti nel pacchetto “Energia pulita per tutti gli europei” della Commissione comporterebbe una riduzione delle emissioni del 48 percento entro il 2030. Tuttavia, poiché l’UE è collettivamente il terzo più grande emettitore di CO2 dietro Cina e Stati Uniti, un tale obiettivo porterebbe il blocco a una riduzione compatibile di 2 ° C.

I Paesi che mostrano segni di miglioramento

Norvegia

La Norvegia prevede la riduzione delle emissioni solo del 7% entro il 2030. Tuttavia, ci sono segni di progresso. Ha fissato un obiettivo ambizioso di riduzione delle emissioni del 40 percento entro il 2030 e ha adottato una legislazione che impegna il paese a ridurre le emissioni dell’80-95 percento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050. Il suo parlamento ha concordato a giugno di (principalmente) disinvestire il suo fondo sovrano da petrolio, gas e carbone.

Cina

La Cina è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi di Parigi. Le cattive notizie, secondo CAT è che quegli obiettivi sono terribilmente inadeguati e non abbastanza ambiziosi da limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi C, per non parlare di 1,5 C come richiesto dall’accordo di Parigi. Le emissioni cinesi di CO2  sono cresciute del 2,3 percento in più nel 2018. Il governo cinese ha fortemente finanziato la produzione di auto elettriche e ha cercato di ridurre il numero di auto a benzina sulla strada, ma tutto questo non basta.

Regno Unito

Da un lato, il paese ha ridotto le proprie emissioni del 44 percento tra il 1990 e il 2018, dall’altro la sua economia è cresciuta del 75 percento. Il governo ha dichiarato un’emergenza climatica e a giugno ha approvato la legislazione che codifica un obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050. Tuttavia, la commissione governativa sui cambiamenti climatici ha avvertito che il paese è molto indietro soprattutto in vista della Brexit.

I Paesi che ci stanno a malapena provando

Russia

La Russia è il quarto più grande emettitore di gas a effetto serra e l’unico che deve ancora ratificare l’accordo di Parigi (sebbene abbia indicato che potrebbe farlo entro il vertice delle Nazioni Unite del 23 settembre). È sulla buona strada raggiungere l’obiettivo di Parigi, ma solo perché tale impegno è debole: consentirebbe alle emissioni di gas serra del paese di aumentare dal 6 al 24 percento rispetto ai livelli del 2016 entro il 2020 e dal 15 al 22 percento entro il 2030. L

Arabia Saudita

La strategia “Vision 2030” 2016 del governo è in realtà meno ambiziosa di un piano del 2013 che prevedeva che l’industria energetica del paese si diversificasse dalla dipendenza dal petrolio. Sebbene Vision 2030 affermi che l’Arabia Saudita sta pianificando di eliminare gradualmente i sussidi ai combustibili fossili, ad oggi non è così.

Turchia

La Turchia è uno dei due  paesi del G20 a non aver ratificato l’accordo di Parigi e, sebbene il governo si sia impegnato a investire quasi 11 miliardi di dollari in misure di efficienza energetica , il paese sta cercando di raggiungere l’autosufficienza energetica attraverso una massiccia espansione delle centrali a carbone. Il CAF ha valutato gli obiettivi di Parigi della Turchia come “criticamente insufficienti”, calcolando che se la maggior parte degli altri paesi seguisse l’approccio della Turchia, il riscaldamento globale sarebbe tra i 3 e i 4 gradi C.

Ucraina

L’ Ucraina sembra stia andando nella direzione sbagliata. I dati più recenti (dal 2016) mostrano che le emissioni del paese derivanti dalla combustione di combustibili fossili, dall’industria, dall’agricoltura e dalle fonti di rifiuti sono diminuite del 64 percento al di sotto dei livelli del 1990, ma non erano questi gli accordi da raggiungere.

Stati Uniti

Il CAT ha già classificato gli obiettivi di Parigi negli Stati Uniti come “insufficienti”. Con l’ostilità in atto dell’amministrazione Trump nei confronti dell’azione per il clima, ora classifica gli sforzi del paese come “criticamente insufficienti”. Con le  decisioni che l’attuale amministrazione ha preso nella politica climatica non c’è da stare tranquilli. Trump ha censurato numerosi report sui cambiamenti climatici e ha istituito un gruppo di revisione incaricato di mettere in discussione i risultati della valutazione climatica nazionale del paese, senza dimenticare che ha più volte annunciato di voler uscire dall’Accordo.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Fonte

 

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

tuvali
seguici su Facebook