Costa Concordia sversamento

Costa Concordia, un nuovo sversamento di materiale oleoso si è verificato lo scorso weekend all'Isola del Giglio. Le cattive condizioni meteo e la violenta mareggiata che ha colpito l'area marina, hanno fatto sì che parte delle sostanze ancora presenti a bordo della nave da crociera finissero in mare.

Un nuovo disastro ambientale incombe sulla già maltrattata isola dell'arcipelago toscano. Nonostante le rassicurazioni delle autorità, la preoccupazione è forte. Maria Sargentini, presidente dell‘Osservatorio per la rimozione della Costa Concordia, ha confermato che lo sversamento di materiale oleoso del 31 ottobre scorso è stato arrestato già sabato notte. "La situazione è sotto controllo e il materiale che non si è espanso, risultando circoscritto all’interno del dispositivo di panne predisposto dalla società consortile Titan-Micoperi, è stato recuperato" ha detto Sargentini. Sul posto è intervenuta anche la Guardia Costiera per verificare sia via mare che con mezzi aerei la presenza di sostanze inquinanti al di fuori dell’area circoscritta dalle panne. Con esito, a quanto sembra, negativo.

Fin da subito, infatti, sarebbero stati attivati i mezzi per il disinquinamento e sono stati fatti arrivare sull’isola anche mezzi aggiuntivi per accelerare le operazioni, a causa delle condizioni meteo e l'arrivo di una nuova perturbazione, nel corso del weekend.

Per verificare la presenza di eventuali sostanze residue, sono stati prelevati campioni del materiale oleoso e sono in corso le analisi. Nel frattempo, continuano le indagini per verificare lo stato dello scafo e cercare di capire l’origine dello sversamento. La Concordia, nonostante tutto, sembra abbia retto abbastanza bene alla prima violenta mareggiata invernale. E in attesa della sua rimozione, questa è una piccola buona notizia. "La situazione ha dimostrato la capacità di resistenza del relitto – ha continuato Sargentini -, e a fronte di un evento caratterizzato da onde di oltre 4 metri, non si registrano spostamenti di scivolamento, sebbene le strumentazioni abbiano segnalato dei movimenti pari a 3 gradi, probabilmente legati alla deformazione dello scafo".

Per fortuna, l'area dello sversamento è stata immediatamente perimetrata e chiusa attraverso l'utilizzo di panne d'altura e di panne assorbenti, monitorate costantemente per provvedere al loro ricambio. Anche il Mezzo Skimmer Eupontos èstato posizionato e messo in operazione all’interno dell’area interessata e in particolare vicino alla falla del lato sinistro del relitto.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Naufragio Costa Concordia: i rischi per l'ecosistema. Urge evitare il disastro ambientale

- Costa Concordia: i rischi ambientali del naufragio all'isola del giglio

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram