paul watson

Sulla sua testa pendeva un mandato di arresto internazionale emesso dal Costa Rica, così il leader e fondatore del movimento Sea Shepered, Paul Watson, è stato arrestato a Francoforte al suo arrivo all'aeroporto, con richiesta di estradizione nel Paese dell'America centrale.

Proprio così: mentre i capitani di baleniere che cacciano illegalmente se ne vanno in giro per il mondo del tutto indisturbati, Watson, che si batte per proteggere le specie in via di estinzione viene arrestato senza pensarci su due volte. Dietro l'ordinanza un fatto avvenuto nel 2002, nelle acque del Guatemala. La polizia tedesca ha affermato che il mandato per l'arresto è stato emesso in risposta a una presunta violazione del traffico navale in Costa Rica, avvenuta durante le riprese di "Sharkwater" nel 2002, su un'operazione illegale di prelevamento di pinne di squalo, nota come shark finning, spiega una nota del movimento ambientalista.

Su ordine delle autorità guatemalteche Sea Shepherd intimò all'equipaggio della Varadero di cessare le proprie attività illegali e di tornare in porto per essere perseguito. Ma, mentre Sea Shepherd scortava la nave verso il porto, una nave armata del Guatemala intercettò l'equipaggio di Sea Shepherd. A quel punto la Varadero accusò gli ambientalisti di aver tentato di uccidere i componenti del suo equipaggio, anche se le prove video dimostrano, a detta della ong, che questo non risponde a verità. Per evitare la cannoniera guatemalteca, Sea Shepherd salpò quindi alla volta del Costa Rica, dove scoprì altre attività illegali, come l'utilizzo di tetri edifici industriali per far essiccare migliaia di pinne di squali.

Il Capitano Watson, dopo essere stato oggetto anche di un procedimento per diffamazione da parte del Governo maltese, ora è assistito in carcere dal Vicepresidente del Parlamento Europeo, Daniel Cohn Bendit, e dall'Eurodeputato Jose Bove. "Speriamo che questi due stimati signori possano garantire la liberazione del Capitano Paul Watson prima che questa sciocchezza si trascini ulteriormente. Anche i membri europei di Sea Shepherd si sono mobilizzati per sostenere il Capitano Watson", scrivono gli ecopirati, che hanno iniziato a delineare una nuova campagna a favore degli squali per il 2012, insieme a Julie Andersen, fondatrice di Shark Savers e di Shark Angels.

Così, nonostante l'arresto del suo leader, Sea shepherd continuerà a usare la propria competenza ed esperienza, oltre alla propria capacità di interagire con i media, per dare alle persone di tutto il mondo il potere di riprendersi i propri squali, animali di importanza cruciale. Ma anche ad offrire la propria assistenza a Paesi di tutto il mondo per applicare le leggi internazionali e locali, porre fine alle attività di bracconaggio senza scrupoli, pattugliare i santuari marini sotto attacco, attuare difese utilizzando tecnologie avanzate e dare potere alle persone del luogo attraverso attività di formazione e fornitura di risorse, mirate a permettere di intraprendere questa battaglia.

La prima area in cui Sea Shepherd si attiverà sarà il Pacifico meridionale, dove il team si dirigerà a giugno. "Abbiamo tutte le leggi di cui abbiamo bisogno per proteggere gli squali. Ora faremo leva sulle nostre risorse e sulla nostra competenza per aiutare i Paesi di tutto il mondo ad applicarle. Prendendo a modello le Galapagos, ci dirigeremo laddove c'è bisogno di noi, applicando le leggi locali e nel contempo sviluppando strategie e formando gli abitanti del luogo affinché possano difenere i loro squali, sviluppando azioni di applicazione delle leggi in tutto il mondo", ha detto Julie Andersen, Direttrice Campagna Squali.

Roberta Ragni

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram