pesticidi_anitiparassitari

Gli anti-parassitari dovranno essere preventivamente autorizzati per essere venduti nei Paesi dell'Unione Europea. È stata approvata oggi giovedì, 19 Gennaio 2012, dai deputati del Parlamento Europeo la nuova legislazione in materia di pesticidi - per respingere gli insetti o uccidere i batteri - che prevede controlli sanitari e ambientali più severi.

Anche se prima di entrare in vigore, la nuova normativa dovrà essere approvata dal Consiglio Europeo, tanta è la soddisfazione per aver raggiunto tale accordo, come infatti dichiara la relatrice Christa KlassSono molto felice che siamo riusciti a trovare delle soluzioni equilibrate per migliorare sia i controlli di sicurezza, sia il processo di autorizzazione, cosi da garantire agli europei prodotti pesticidi più sicuri ed efficaci”.

Sarà aggiornata, in pratica, la legislazione europea del 1998 che disciplina i prodotti per il controllo dei parassiti includendovi anche i prodotti trattati, come ad esempio i mobili - divani - spruzzati con fungicida.

Saranno dunque finalmente vietate sostanze cancerogene in grado di colpire geni, ormoni e apparati riproduttivi, anche se gli stati membri potranno, in via del tutto eccezionale, non tener conto di questa regola nel caso in cui il prodotto sia assolutamente inevitabile per garantire la salute pubblica. Le autorizzazioni, in questo caso, saranno soggette a regole ancora più dure e a scadenze più brevi, in attesa che siano trovate alternative meno pericolose.

Con la nuova legislazione, che prevede oltretutto regole specifiche per i controlli di sicurezza per i prodotti con nanotecnologie e l’etichettatura obbligatoria, viene data più armonia al mercato europeo dei pesticidi in quanto sono state inserite nuove scadenze per la presentazione delle domande di autorizzazione. Inoltre non solo sono state semplificate le procedure di riconoscimento delle autorizzazioni fra i paesi, ma dal 2013 sarà introdotta possibilità di richiedere l'autorizzazione direttamente a livello UE.

Altre misure previste comprendono lo scambio di dati fra le imprese per evitare la duplicazione dei test sugli animali, in cambio di un compenso per chi ha eseguito i test.

I pesticidi per uso agricolo continueranno a essere, invece, disciplinati da una legislazione ad hoc.

Gloria Mastrantonio

Leggi anche 6 modi per ridurre l'esposizione ai pesticidi

Leggi anche Rimedi naturali per tenere lontano gli insetti: la guida

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram