blackpool1

Sembra candida neve, quella che da ieri cade giù dal cielo in Gran Bretagna, a Cleveleys, una ridente cittadina costiera che sorge nei pressi di Blackpool. Sembra. Si tratta in realtà di una densa schiuma biancastra che sta letteralmente ricoprendo la zona, bloccando il traffico. Ma da dove viene?

Secondo gli esperti proverrebbe dal mare. Si tratterebbe infatti di una spuma causata forse da alghe in decomposizione, che si è sollevata ed è stata trasportata fin sulla costa dai forti venti che negli ultimi giorni si sono abbattutti nella parte settentrionale dell'Inghilterra del Nord. Ma si diffonde il panico tra gli abitanti, soprattutto perché non si sa ancora molto riguardo a tale sostanza. Tuttavia, non è la prima volta che una simile stranezza investe la Fylde coast.

Tuttavia, secondo quanto hanno riferito gli esperti dell'Agenzia per l'ambiente al Daily Mail non ci sarebbero rischi per la salute: "Abbiamo preso campioni di schiuma per capire se il fenomeno è causato da qualche materiale inquinante, abbiamo bisogno di sapere. All'inizio i campioni non mostrano alcuna traccia di detersivi, per questo pensiamo che potrebbe essere la combinazione di materiali in decomposizione provenienti dalle alghe sballottate dalla marea e trasportare dal vento che spinge da ovest e che sta alzando la schiuma”.

Lo spettacolo, guardando le immagini sembra suggestivo, potrebbe benissimo essere scambiato per una coltre di morbida neve, caduta per le feste natalizie. Ma non è così. Gli abitanti di Clevelyes hanno davvero paura. La schiuma infatti ha una consistenza oleosa e macchia tutto ciò su cui si appoggia. Il timore condiviso e anche l'ipotesi più accreditata dalla popolazione è che la schiuma altro non sia che il risultatao dei detersivi riversati in mare dalle industrie della zona.

Autisti e pedoni ormai evitano anche di uscire se non strettamente necessario. In alcuni punti la schiuma è profonda quasi 3 piedi, circa un metro, e in alcuni casi ha intrappolando i residenti nelle proprie abitazioni.

blackpool

Tra essi Gorden Stanley, che ha raccontato al Mirror: "La situazione della schiuma è orrenda, normalmente accade una volta ogni tanto ma quest'anno è già la terza volta. È una sostanza a base di olio ed è terribile tentare di rimuovere le macchie dall'auto, dai vestiti e dalle finestre”.

Ieri sera intanto l'Agenzia per l'ambiente è andata a scavare nella schiuma prelevandone diversi campioni per verificare la presenza di materiale inquinante.

"Sappiamo che succede di tanto in tanto e può scomparire di nuovo molto rapidamente ma dobbiamo comunque cercare di capire cosa la provoca" ha spiegato un portavoce.

Sarà forse l'inquinamento marino?

Francesca Mancuso

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram