terremoto_haiti

Ci sarebbe una stretta connessione tra i grandi terremoti, come quello che colpì Haiti nel 2010, e gli episodi di uragani, tifoni e cicloni tropicali: è la conclusione a cui è giunto uno studio dell'Università di Miami, presentato al meeting della American Geophysical Union a San Francisco, e guidato dallo scinziato Shimon Wdowinski.

Così come la deforestazione operata dall'uomo è causa di frane e smottamenti, secondo gli studiosi anche le piogge violente che erodono i terreni possono essere fonte di successivi terremoti. La cosa incredibile è che la relazione effetto-causa non è immediata, ma può manifestarsi fino a 3 anni dopo, in base alle condizioni del terreno e a quanto esso è stato danneggiato dagli eventi ciclonici.

"Sono gli eventi di pioggia incessante e violenta ad innescare il meccanismo", spiega Wdowinski."La pioggia causa diverse migliaia di fratture e pesanti erosioni nel terreno, rimuovendo del materiale dalla superficie della Terra e incoraggiando movimenti lungo le faglie". A conferma di ciò, lo studio porta come esempio il terremoto di Haiti del 2010, avvenuto un anno e mezzo dopo che la stessa zona era stata devastata da due tempeste tropicali e due uragani nel giro di 25 giorni. "La stessa cosa – avvisa Wdowinski – può succedere in altre zone montane colpite dai cicloni, come il Giappone, le Filippine, e forse l'America Centrale".

Ma non è solo il terremoto di Haiti a confermare questa relazione temporale tra i due fenomeni: nello studio si leggono infatti altri esempi, come il terremoto di magnitudo 6.2 di Taiwan del 1972, avvenuto dopo che il Paese era stato colpito nel 1969 dal tifone Flossie; il tifone Morakot del 2009, cui seguì un terremoto 6.2 nello stesso anno e un sisma 6.4 nel 2010 e il tifone Herb nel 1996, seguito da un terremoto 6.2 nel 1998 e da uno 7.6 nel 1999. Un'altro studio indipendente ha inoltre suggerito la stessa conclusione per i movimenti della terra causati dai monsoni estivi in Himalaya.

Le ricerche, fa sapere Shimon Wdowinski, proseguiranno e prenderanno in esame altri territori a rischio sismico e con una forte presenza di attività cicloniche, come le Filippine e il Giappone. Se questa relazione dovesse essere confermata, sarebbe infatti un'ulteriore riprova di quanto i cambiamenti climatici possano essere pericolosi per il futuro del Pianeta.

Eleonora Cresci

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram