buco_ozono

Si è aperto un nuovo buco dell’ozono anche nella zona artica. Si tratta di un fenomeno insolito, sia perché è avvenuto nel polo Nord, sia perché ha dimensioni enormi: pari a tre volte la superficie della Germania.

Provocato da un freddo particolarmente accentuato nell'Artico, il buco si è spostato per un paio di settimane sopra i cieli dell'Europa dell'Est, della Russia e della Mongolia, dove le popolazioni locali sono state esposte per diversi giorni a livelli elevati di raggi ultravioletti.

In pratica, la presenza di questo buco che si forma nella stratosfera (che normalmente filtra i raggi ultravioletti) impedisce di filtrare i raggi dannosi e ciò aumenta la possibilità di danneggiare la vegetazione e gli esseri umani, causando in particolare tumori della pelle e cataratte.

Per la prima volta - come riporta uno studio pubblicato sulla rivista scientifica britannica Nature - la diminuzione è tale perché si possa ragionevolmente parlare di buco dell'ozono in Artico”.

Effettivamente però, già a marzo l'ESA aveva messo in guardia sulla “perdita record di ozono sull’Artico” con livelli minimi dal 1997.

Ma come mai si verifica proprio ora un ingrandimento del buco?
La stratosfera è attaccata specie nei due Poli in inverno e in primavera, in particolar modo per colpa dei clorofluorocarburi (CFC) causati – specie in passato – da alcune attività e prodotti usati comunemente dall’uomo: condizionatori, frigoriferi, bombolette spray, ecc.
In più, il freddo intenso e improvviso sembra favorire in modo evidente e sostanziale la distruzione dell'ozono.

Verdiana Amorosi

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram