Centrale-nucleare-Bushehr-

Anche l’Iran è diventato ufficialmente produttore di energia nucleare. La sfida del leader iraniano Mahmoud Ahmadinejad alla comunità internazionale prosegue e prende forma, passando dalla minaccia ai fatti. Segno evidente di un delirio retrogrado che mette in pericolo persone e territori.

La notizia è stata diffusa ufficialmente e a gran voce da Hamid Khadem Qaemi, portavoce dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica (Oiea), alle 23:30 di sabato 3 settembre, quando la prima centrale nucleare dell’Iran, realizzata dalla Russia a Bushehr, un paesino sul golfo Persico, è stata collegata alla rete elettrica nazionale.

La centrale è dotata di una capacità massima di 1.000 megawatt, per una produzione di energia di circa 60 megawatt, ma al momento sembra ancora in fase sperimentale, mentre tra qualche giorno l’impianto aumenterà progressivamente la sua potenza fino a raggiungere – già per metà mese - i 400 megawatt.

Realizzato in seguito ad un accordo stipulato nel 1995, l’impianto nucleare è stato avviato con una decina di anni di ritardo rispetto tempi previsti, per motivi tecnici, finanziari e, soprattutto, per problemi politici.

Alla fine Ahmadinejad l’ha spuntata e ha raggiunto il suo obiettivo, anche se l’aspetto peggiore riguarda proprio l’impiego futuro che il leader farà dell’energia prodotta: secondo la comunità internazionale, infatti, il presidente iraniano userà l’atomo anche per fini militari.

Verdiana Amorosi

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog