Eternit-processo

Continua a Torino il maxi processo contro Louis de Cartier e Stephan Schmidheiny, i vertici della multinazionale Eternit, l’ex azienda produttrice di materiali in amianto, che fino ad oggi ha provocato ben 3000 vittime.

L’accusa – secondo quanto esporto ieri dal pm Colace - è delle più terribili (soprattutto pensando alle conseguenze): l'azienda ha continuato ad utilizzare l'amianto blu, quello più pericoloso, fino al 1986, anno in cui ha chiuso.

I fatti sostenuti dall’accusa riguardano il periodo che va dal 1952 al 2008 e riguardano migliaia di casi di morte, o grave malattia per asbestosi, il tumore al polmone e altre patologie che debilitano progressivamente l’apparato respiratorio, per poi annientarlo definitivamente.

Una malattia terribile che ha ucciso molti lavoratori Eternit e anche molti dei loro familiari, a causa delle particelle dannose che volando nell’aria si sono depositate ovunque: sulle tute da lavoro, sui capelli, sulla pelle, ma anche sui marciapiedi e nelle case, infiltrandosi nei tessuti e nell’apparato respiratorio.

L’accusa ha definito Louis de Cartier e Stephan Schmidheiny come “datori di lavoro che impostarono strategie industriali che non hanno impedito la strage di lavoratori a contatto con il rischio amianto”.

Al processo sono più di 6.000 le parti civili ammesse dal Tribunale e oltre al numero di vittime, nella lista presentata dall’accusa, c’è anche disastro ambientale e omissioni dolose di cautele nei luoghi di lavoro, perché i responsabili sapevano della pericolosità dell’amianto, ma non hanno mai avvertito le famiglie, né messo in guardia i lavoratori.

Insomma, ancora una volta, un disastro ambientale e umano, che attende giustizia.

Verdiana Amorosi

 

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram