biodiversita_pil

Il ritmo con cui la Terra sta perdendo il proprio patrimonio di diversità di specie animali e vegetale, la biodiversità, è da 100 a 1000 volte più veloce del normale. È quanto emerge dal dossier “Biodiversità a rischio 2011”, reso noto da Legambiente al convegno Terra futura (Firenze), dati confermati anche dalla campagna dell’IUCN (l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) volta a limitare i danni causati dall'uomo che portano alla perdita di biodiversità.

Secondo Legambiente, anche dal punto di vista economico la perdità del patrimonio di specie animali e vegetali è tutt'altro che positiva: se non si gestirà con attenzione il problema dei cambiamenti climatici, stima l'associazione che entro il 2050 tale perdita sarebbe pari al 7% del PIL globale.

Un vero e proprio disfacimento, quello in atto a livello globale. Secondo la FAO, inoltre, "il 60% degli ecosistemi mondiali sono ormai degradati o utilizzati secondo modalità non sostenibili, il 75% degli stock ittici sono troppo sfruttati o impoveriti in modo eccessivo e dal 1990 abbiamo assistito alla perdita di circa il 75 % della diversità genetica delle colture agricole a livello mondiale".

Ma ci sono altri danni irreparabili, come la perdita del 20% delle barriere coralline tropicali, a cui abbiamo detto definitivamente addio per colpa dei cambiamenti climatici. A rischio anche il 95% di quelle restanti, che potrebbero non arrivare al 2050.

In Europa. Nel Vecchio Continente, secondo Legambiente, solo il 17% delle specie e degli habitat e l’11% degli ecosistemi principali protetti dalla legislazione sono in buone condizioni. Di contro, il 25% circa delle specie animali tra cui mammiferi, anfibi, rettili, uccelli e farfalle sono già a rischio di estinzione. Un esempio? Dal 1990 il numero delle specie comuni di uccelli è diminuito di circa il 10%.

In Italia. Secondo il dossier, nel nostro Paese si può ancora fare molto per favorire la tutela della biodiversità visto che esiste una grande varietà di zone climatiche e paesaggi differenti. Basti pensare che l'Italia detiene circa un terzo della biodiversità attualmente presente in Europa. Tradotto in cifre significa: circa 58 mila specie, di cui 55 mila invertebrati, 1.812 protozoi e 1.258 vertebrati. Anche per la fauna, possiamo fare molto visto che nel nostro paese crescono circa la metà delle specie vegetali presenti nel territorio europeo: ben 6.711 specie. Anche la flora biologica italiana, comprendente muschi e licheni, è una delle più ricche d’Europa con 1.130 specie, di cui 851 muschi e 279 licheni.

Nonostante ci sia ancora moltissimo lavoro da fare – ha dichiarato Antonio Nicoletti, responsabile aree protette di Legambiente ci sono alcuni segnali incoraggianti che arrivano da progetti specifici, realizzati ad esempio dalle Aree Protette, che dimostrano il valore e l’efficacia di queste istituzioni per la conservazione della natura e la salvaguardia delle specie a rischio. La tutela dei territori è infatti una strategia efficace per contenere la perdita di biodiversità e non una limitazione libertà degli individui”.

"Gli impegni assunti a Nagoyaconclude Nicoletti - e la Strategia Europea impegnano il nostro Paese ad avere un comportamento più coerente e virtuoso per contenere la perdita di biodiversità. Non bastano solo i proclami ma servono politiche attive per tutelare le specie a rischio, come l’orso, e soprattutto investimenti finanziari adeguati, partendo dalle risorse sulle aree protette, che non vanno tagliate ma incrementate”.

Francesca Mancuso

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram