DL-sviluppo_piano_casa

Da qualche ora ne parlano tutti i media: il Governo sta per approvare il cosiddetto Decreto Sviluppo, con l'intenzione di rilanciare il paese e semplificarci la vita. Nei giorni scorsi il testo era stato diffuso in forma di bozza, ma a quanto pare la versione definitiva dovrebbe essere più o meno la stessa. Diverse le novità introdotte – alcune delle quali, per inciso, in netto contrasto con altre manovre già varate dal governo: bonus assunzioni nel Sud, rinegoziazione mutui a tasso variabile, bonus ricerca (!), schede carburanti, ecc... Tra queste, almeno un paio, se falliranno nell'impresa di rilanciare lo sviluppo, di certo modificheranno l'aspetto fisico e paesaggistico dell'Italia: stiamo parlando del “Piano casa” e della “Privatizzazione delle spiagge”.

Per quanto riguarda il primo, dopo l'entrata in vigore del Decreto i cittadini saranno liberi di aumentare la volumetria dei propri edifici, residenziali (+20% max) e non (+10% max): basterà un intervento di riqualifica – meglio se energetica – o anche di demolizione, e il gioco è fatto. L'intento sarebbe quello di “promuovere e agevolare la riqualificazione di aree urbane degradate, tenuto conto della necessità di favorire lo sviluppo dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili”. Un simile meccanismo sarà legge entro 120 giorni in quelle Regioni che non hanno un proprio piano edilizio.

E veniamo alle spiagge. Anche in questo caso la deregulation implicita nel Decreto Sviluppo è tutt'altro che leggera: se da una parte resta il diritto di passaggio su spiagge e scogliere (e ci mancherebbe altro!) il terreno o l'immobile su cui esiste un insediamento turistico – come appunto uno stabilimento balneare – non sarà più oggetto di concessione, ma di “diritto di superficie”... un diritto che durerà la bellezza di 90 anni!

Più che legittima, quindi, la rabbia di Legambiente e del suo Presidente nazionale, Vittorio Cogliati Dezza: con l’autocertificazione per tutte le nuove costruzioni e col passaggio dalla Dia alla Scia e i vari premi in cubatura si condanna il nostro Paese alla devastazione e all’affermazione delle leggi tribali dove il più forte, in questo caso il più ricco e spregiudicato, vince su tutti e fa quel che vuole del patrimonio comune. Principio confermato anche dall’articolo sul diritto di superficie delle spiagge che, in modo totalmente illogico e anacronistico, di fatto privatizza il patrimonio costiero cedendolo a pochi soggetti più ricchi a scapito dell’intera cittadinanza cui viene alienato il diritto di usufruire liberamente del territorio e delle parti più preziose del nostro paesaggio.

Le fa eco il WWF, particolarmente indignato per le concessioni delle spiagge: Lo Stato ha ceduto clamorosamente e irresponsabilmente alle richieste dei gestori degli stabilimenti balneari, che dopo aver speculato per anni sui beni demaniali con guadagni enormi a fronte dei quali lo Stato riceveva cifre irrisorie, ottengono oggi tempi così lunghi da permettere un ulteriore incremento di infrastrutture con investimenti importanti che verranno comunque ammortizzati in tempi inferiori a quelli delle concessioni riconosciute.

Le spiagge concesse ai privati sono in questo modo definitivamente sottratte ai cittadini. È sotto gli occhi di tutti che gli stabilimenti balneari, le cui concessioni sono raddoppiate negli ultimi decenni (da circa 5mila a circa 10mila) si sono trasformati in vere e proprie cittadelle, con negozi, ristoranti, palestre e centri benessere. È un processo di cementificazione, caratterizzato da innumerevoli abusi edilizi e violazione dei termini di concessione, che è letteralmente scappato di mano allo Stato e che il Governo legittima non riuscendo né a controllarlo né a gestirlo, anzi favorendolo con questi provvedimenti. Si è introdotto il presupposto per creare diritti da cui per un secolo sarà impossibile tornare indietro. Di fatto il Governo ha svenduto le spiagge italiane più accessibili e più remunerative".

Si prospettano insomma tempi ancora più bui, quando invece la giusta direzione da prendere – come mostra bene il docuvideo Under Constructionera verso la decrescita.

Roberto Zambon

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram