Piantare_alberiLà dove c'era un incendio, ora c'è...un "Parco per il Clima". Si tratta della nuova iniziativa promossa da Epson Italia, in partnership con Legambiente, per contrastare il fenomeno del riscaldamento globale, attraverso la quale verranno piantati tantissimi nuovi alberi in aree distrutte dal fuoco.

"Operazionei Parchi per il Clima - Stop The fever", rientra in un protocollo d'intesa più ampio che mira ad accrescere sia l'efficacia delle azioni ecosostenibili dell'azienda che la sensibilizzazione dei consumatori, partendo dal presupposto che anche le imprese hanno un ruolo decisivo nella promozione e attuazione di un modello sostenibile di sviluppo.

Ed Epson in questo può vantare da sempre un impegno encomiabile e una serie di iniziative per limitare il proprio impatto ambientale sviluppando prodotti ecosostenibili, ma anche adottando pratiche responsabili sotto il profilo ambientale con tanto di un eco-decalogo della responsabilità sociale dell'azienda: dalle attività di sensibilizzazione nei confronti dei dipendenti, alla virtualizzazione della sala server, dai sensori di prossimità per l'impianto di illuminazione, sino al parco macchine con modelli bifuel e ibridi e l'acqua a "km zero".

E da oggi anche l'ambizioso piano con la quale si impegna entro il 2050 a ridurre le emissioni di CO2 del 90% nell'intero ciclo di vita dei prodotti, l'inclusione di tutti i prodotti nei processi di riutilizzo o riciclaggio; la riduzione dell'emissione diretta di CO2 del 90% e l'eliminazione dei gas causa del riscaldamento globale, diversi dalla CO2; il ripristino e la preservazione della biodiversità come parte dell'ecosistema, con la collaborazione delle comunità locali.

"La partnership tra Legambiente e Epson - ha dichiarato Rossella Muroni, direttrice generale dell'associazione - vuole contribuire alla diffusione sia di tecnologie moderne rispettose dell'ambiente, come i prodotti con tecnologia inkjet proposti dall'azienda, che di comportamenti sostenibili. La tecnologia infatti, può fare molto per ridurre i consumi, ma molto di più possiamo fare tutti noi con un comportamento più attento e responsabile: per esempio stampando solo i documenti strettamente necessari, meglio se fronte-retro e imparando a leggere sullo schermo piuttosto che su carta. Grazie ai contributi raccolti con la vendita di stampanti Epson inkjet inoltre, riusciremo a recuperare habitat necessari per la conservazione della biodiversità in zone colpite e devastate dagli incendi degli anni passati".

Simona Falasca


maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram