fiumi_dItalia

In Italia 4 fiumi su 30 sono malati a causa della eccessiva cementificazione, dell’incuria e per colpa di chi conduce attività abusive, usando i corsi d’acqua come discariche per liberarsi di sostanze inutili e addirittura pericolose, come l’amianto. È questo il triste esito dello studio portato avanti da un team di 600 volontari che hanno realizzato un vero e proprio censimento in cui viene illustrata la drammatica situazione dei nostri fiumi.

Lo studio è stato presentato questa mattina in occasione del convegno “Fiumi d’Italia”, organizzato dal WWF a Palazzo Valentini di Roma, dove l’associazione ambientalista, la Provincia di Roma e Spinning Club Italia hanno firmato un accordo per monitorare, sorvegliare, difendere e recuperare i corsi di acqua a rischio inquinamento.

È indispensabile e urgente un impegno più deciso di tutte le istituzioni per garantire e raggiungere il “buono stato ecologico” degli ecosistemi d’acqua dolce entro il 2015, come previsto dalla Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE “ - ha detto il Presidente del WWF Italia, Stefano Leoni durante il Convegno.

Al Convegno è arrivato anche l’incoraggiamento del Presidente della provincia, Nicola Zingaretti: “Garantire il buono stato ecologico dei fiumi e darsi una tabella di marcia per raggiungere questo risultato è una battaglia giusta a cui le istituzioni, a tutti i livelli e ognuna per le proprie competenze, devono dare il proprio contributo e sono certo che l’appuntamento di oggi potrà essere il miglior punto di partenza per questo percorso”.

Con questo accordo, come altri che verranno nel futuro, il WWF vuole promuovere alleanze con quelle categorie che si battono autonomamente per risolvere la situazione estremamente critica dei nostri fiumi” - ha commentato Andrea Agapito, responsabile Programma acque del WWF Italia e della Campagna Libera fiumi.

L’accordo siglato questa mattina infatti dà il via ad una serie di progetti lanciati dal WWF per la riqualificazione, la bonifica e la messa in sicurezza di alcuni importanti corsi d’acqua italiani, dove finalmente i pesci potranno nuotare tranquilli e godersi così il loro habitat naturale. Senza minacce.
Qualche esempio?
La riforestazione nel Po mantovano e la conservazione della Trota marmorata, una delle specie inserite nella Lista Rossa dei pesci a rischio estinzione.

I pescatori hanno il contatto diretto e costante con l’ambiente fluviale e toccano con mano i danni che colpiscono le specie più sensibili, come i predatori d’acqua dolce, all’apice delle catene biologiche dei corsi d’acqua – ha dichiarato Mario Narducci, Presidente dello Spinning Club Italia – Il nostro contributo nell’unire le forze con il WWF sarà quello di moltiplicare le azioni mirate di volontariato per interventi di recupero, come quello che effettuiamo già da 11 anni nel fiume Adda, mettendo al riparo le preziose uova di Trota marmorata in ogni periodo di secca del fiume. Saremo anche sentinelle ambientali a fianco dell’associazione per segnalare i casi più urgenti di danno al fiume e verificare l’efficacia degli interventi di recupero programmati”.

Con l’occasione, il WWF ha anche presentato i tratti essenziali di Ch2Oice, il nuovo sistema di eco-certificazione degli impianti idroelettrici, che a breve dovranno iniziare a rispettare regole precise. Un modo per impedire (almeno si spera) il proliferare indiscriminato di questi impianti.

Verdiana Amorosi

Per approfondire, vai sul sito del WWF

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram