Isola_san_pietro

Mentre la Sardegna in questi giorni sta combattendo la sua battaglia contro la marea nera e lo sversamento di olio combustibile che sta devastando le acque e le spiagge del Golfo dell'Asinara, a seguito dell'incidente avvenuto negli stabilimenti dell'E.on, c'è un altro incidente che ha colpito l'isola sarda lo scorso anno e di cui ancora si stanno pagando le conseguenze.

È quello avvenuto negli stabilimenti dell'Alcoa di Portovesme, in provincia di Carbonia Iglesias dove nel mese di agosto del 2009 si registrarono la fuoriuscita di Floro e altre sostanze che hanno contaminato i territori circostanti. Tra questi la vicina isola di San Pietro i cui cittadini, riuniti in un comitato, stanno cercando di riportare l'attenzione sull'accaduto.

Sebbene il Comune di Carloforte disti appena 10 km dal luogo dell'incidente, questo non è stato inserito nell'"Area ad elevato rischio di crisi ambientale del Sulcis Iglesiente", nonostante che dalle analisi effettuate, risultino forti contaminazioni da metalli pesanti sia sui terreni che nelle acque. E non a caso sono state registrati tra la popolazione aumenti considerevoli di patologie tumorali, cardiovascolari, tiroidee e dell'apparato respiratorio.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo la lettera di una cittadina di Carloforte per tentare, nel nostro piccolo, di contribuire a riportare l'attenzione su questo problema che sta preoccupando seriamente gli abitanti dell'isola di San Pietro:

In seguito alla fuoriuscita di Fluoro e di altre sostanze non identificate dagli stabilimenti dell' Alcoa (società leader nella produzione di alluminio primario) di Portovesme – CI -, verificatasi nel mese di agosto e settembre 2009, venne richiesto al Comune di Carloforte, da parte del gruppo "Carlofortini preoccupati" un monitoraggio ambientale.

Il Comune, dietro questa pressione, dispose delle analisi episodiche di acque superficiali e terreni incaricando la società Edam - Soluzioni ambientali s.r.l. di Gallarate. Dalla relazione sui campionamenti effettuati, emergono dati poco rassicuranti. Nei terreni dell'isola di San Pietro si trovano, infatti, metalli pesanti: "si osservano elevate concentrazioni di ferro e alluminio, per i quali la normativa non prevede però limiti". In alcuni terreni in particolare, sono state riscontrate altissime quantità di alluminio: più di 100 gr per 1 Kg di terreno.

Il fatto sconcertante è che la relazione della Edam omette la presenza di alcuni metalli, ampiamente presenti in numerose località dell'isola:

Stagno (i cui composti organici sono tossici), con valori superiori a 40 volte i limiti di legge (41,0 mg/kg con un valore limite 1 mg/Kg).

Berillio (sostanza tossica e cancerogena), con valori di <2,1 mg/Kg (con un valore limite 2 mg/Kg).

Sono molti altri i metalli rilevati nei terreni con concentrazioni molto vicine al limite previsto per legge, come ad esempio tallio (molto tossico, per cui in passato il suo uso in prodotti di largo consumo è stato bandito), antimonio (metallo tossico che ad alte dosi può addirittura provocare la morte nel giro di pochi giorni) e ancora cadmio, mercurio, piombo, zinco e cromo esavalente. Queste sostanze, tutte tossiche e/o cancerogene, sono certamente in parte di origine antropica e, anche se in alcuni casi non si superano i limiti, la loro presenza meriterebbe ulteriori analisi per poterne determinare l'origine.

Anche la frutta risulta contaminata. Preoccupanti sono i risultati delle analisi compiute nel maggio 2010: sulle nespole analizzate risulta, infatti, un'alta percentuale di piombo (pari allo 0,18 mg/kg con un limite 0,1 mg/kg, quindi quasi il doppio del limite consentito) e cadmio (pari allo 0,04 mg/kg con un limite 0,05 mg/kg). A supporto di questi dati va ricordato che già negli anni '90 ben 17 carlofortini su 20 sottoposti ad analisi presentavano quantità di piombo nel sangue.

Sono state analizzate anche le acque superficiali, ed anche in questo caso emergono concentrazioni di: ferro (ben 15 volte oltre i limiti di legge) , manganese (quasi 4 volte i limiti di legge) e selenio (oltre 30 volte i limiti di legge). Altri metalli, di probabile origine antropic,a sono stati rilevati con concentrazioni vicine al limite previsto per legge e sono cadmio e arsenico.

Uno studio scientifico condotto dal Professor Marco Schintu dell'Università di Cagliari, recentemente pubblicato, ha evidenziato come la presenza di metalli pesanti tra i quali Cadmio e Piombo, nelle alghe marine circostanti l'Isola di San Pietro, che potrebbe essere di origine industriale.

Dall'analisi delle acque emerge un altro dato molto preoccupante, anche questo omesso dalla relazione: in un campione di acqua analizzata i fluoruri sono pari a 2,7 mg/l, quando il valore limite di comprovata tossicità è di 1,5 mg/l.

Quindi, la presenza di questa sostanza potrebbe attribuirsi all'incidente dell'Alcoa di Portovesme, che ha interessato anche l'isola di San Pietro. Il rischio derivato da questa fuoriuscita di fluoro è quello di arrecare danni irreparabili per l'uomo con gravissime conseguenze in caso di ingerimento, come la fluorosi, che provoca malformazioni dello scheletro e cattiva funzionalità dei denti (tragico esempio sono gli agnelli deformi delle campagne di Paringiannu, afflitti da fluorosi cronica).

Questi dati allarmanti sono stati omessi dalla relazione prodotta dalla società Edam e mascherati con dichiarazioni dell'Assessore alla Sanità del comune di Carloforte Patrizia Congiu che, sia in sede di consiglio comunale del 19/10/2009 che in una dichiarazione rilasciata alla stampa e comparsa su La Nuova Sardegna in data 29/10/2009, sostiene: " A Carloforte nessun rischio da fluoro dell'area industriale di Portovesme" e ancora "la Salute della popolazione carolina non corre nessun serio pericolo derivato dalla vicinanza del polo industriale, tantomeno per la recente fuoriuscita di fluoro dall'Alcoa". Affermazioni che vengono smentite in pieno dai dati emersi dalle analisi.

Va inoltre ricordato che a Genova nell'ottobre del 2007 vennero fermati due tir carichi di scorie radioattive diretti in Sardegna per essere smaltiti negli stabilimenti della Portovesme Srl (notizia anche riportata da La Nuova Sardegna del 23/10/2007), e come la stessa società sia oggi indagata per un traffico di rifiuti tossici per il quale sono sotto processo alcuni responsabili dell'azienda.

La situazione risulta fortemente preoccupante, considerati gli effetti negativi e mortali che sostanze di questo tipo possono provocare.

Molti sono i dubbi e le preoccupazioni per il comune di Carloforte e l'isola di San Pietro, che senza alcuna motivazione non rientra nell'"Area ad elevato rischio di crisi ambientale del Sulcis Iglesiente", sebbene Carloforte sia distante solo 10 km dal polo industriale, che già comprende i comuni di Portoscuso (0 km), Gonnesa (9 km), Carbonia(11 km), San Giovanni Suergiu (13 km) e San'Antioco (15 km). Questa vicinanza è fortemente impattante sul territorio e sulla salute di chi vi abita, come dimostrato dall'aumento di patologie tumorali, cardiovascolari, tiroidee e dell'apparato respiratorio.

Delia Parodo
per "Carlofortini preoccupati!"

Ecco qui anche un video che denuncia la contaminazione:

porta calcio decathlon 2018

Decathlon

Una porta da calcio per giocare in giardino tutto l'anno

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

banner guida pulizie

La guida alle pulizie eco

Tante informazioni, zero euro! Scaricala subito

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
seguici su instagram
guida pulizie
corsi greenme
whatsapp gratis