tartaruga_petrolio

Ancora conseguenze legate al disastro della marea nera nel Golfo del Messico. Ieri Greenpeace, che si trovava nei pressi della costa del Mississipi in seno ad una spedizione di tre mesi per valutare le conseguenze del disastro a bordo dell’Arctic Sunrise, ha notato del petrolio proveniente dal disastro della Deepwater Horizon sulle spiagge dell’Isola di Horn.

Il coordinatore scientifico Adam Walters per esserne certo ha scavato dei piccoli buchi sulla spiaggia, portando alla luce strati di sabbia impregnata di petrolio appena sotto la superficie. A rendere ancora più grave la scoperta è il fatto che le spiagge contaminate si trovano a pochi metri dai siti protetti di nidificazione di tartarughe. A poco sono valse dunque le operazioni di pulizia, se il petrolio è arrivato anche sull'Isola di Horn.

Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia, ha commentato così l'amara scoperta: "È scandaloso, la BP continua a raccontarci che il petrolio è stato completamente ripulito. L’isola di Horn rappresenta un habitat particolarmente importante per uccelli e tartarughe marine, che la BP rischia di danneggiare irreparabilmente, nel tentativo di ripulire l’area. Metodi di pulizia particolarmente invasivi, come l’utilizzo di ruspe, aggiunti al petrolio e ai disperdenti chimici, rischiano di spingere questi ecosistemi particolarmente sensibili sull’orlo del collasso".

Adam Walters conclude: "Ciò che vediamo sulle coste del Golfo è giusto la parte di catrame spiaggiato. Una gran quantità non arriverà mai sulle coste e non sarà mai ripulita. Questo petrolio dissolto o mescolato ad acqua è quello che sta causando e causerà danni significativi e non misurabili all’ecosistema acquatico del Golfo".

Francesca Mancuso

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram