greenpeace_lido_venezia

Ombrelloni gialli uno di fianco all'altro che insieme a striscioni e cartelli hanno formato un enorme messaggio di 1.500 metri quadrati contro il nucleare. Ieri il lido di Venezia è stato trasformato da Greenpeace in una grande "spiaggia-banner" per dire no all'energia atomica che in Italia rappresenterebbe un rischio anche per il turismo.

Per questo gli attivisti hanno consegnato un messaggio anti-nucleare al Governatore della Regione Veneto Luca Zaia che durante la campagna elettorale si era schierato contro dichiarando che nella sua regione il nucleare non sarebbe mai passato. E allora perché continuano a circolare le ipotesi di una centralicentrale nucleare Enel a Chioggia, in provincia di Rovigo?

«Il Governatore Zaia – afferma Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia - deve dimostrare di non fare solo chiacchiere: ci aspettiamo passi concreti della Regione Veneto per scongiurare un incubo nucleare in laguna che potrebbe avere effetti negativi anche sul flusso dei turisti».

Anche perché con questa azione si è voluto sottolineare come il nucleare sia una minaccia ulteriore per la laguna veneta che sprofonda in media di 3 cm l'anno ed è la zona d'Italia più esposta ai cambiamenti climatici.

Ma Greenpeace ci ha tenuto a ribadire oltre ai rischi sanitari e ambientali anche la poca convenzienza economica del ritorno al nucleare che è stato stimato graverà sulle tasche degli italiani per 6-7 miliardi di euro e non solo i 4 dichiarati da Enel anche alla luce dei pesanti ritardi che stanno accumulando i cantieri in Finlandia e Francia per costruire i reattori EPR Areva, la stessa tecnologia cosiddetta di terza generazione che verrebbe installata in Italia.

Non esiste un rinascimento nucleare ma solo un tentativo di far sopravvivere con fondi pubblici un settore in quei Paesi che ce l’hanno. In Italia il nucleare non c’è da 20 anni – continua Giannì – è soltanto una bufala che impedisce una decisa virata della nostra economia verso fonti di energia pulita. Dobbiamo svincolarci con urgenza da fonti energetiche pericolose, come petrolio, carbone e nucleare, anche per risolvere l’emergenza climatica che incombe su noi tutti».
Il Governatore Zaia dopo il blitz sulla spiaggia di Venezia ha accolto la richiesta di incontrare gli attivisti confermando la sua ferma opposizione a localizzare le centrali in Veneto e dimostrandosi anche molto interessato ad approfondire il tema tanto da chiedere ulteriore documentazione a Greenpeace.

Greenpeace_ministro_zaia

«Ora ci aspettiamo che passi dalle parole ai fatti e si opponga concretamente ai piani nucleari del Governo nella sua regione». Ha concluso Giannì

Simona Falasca

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram