pulizia-oceano-4ocean

Stanno ripulendo gli oceani dalla plastica creando occupazione e una filiera di economia circolare che fa bene all'ambiente e ai lavoratori. Ecco la storia di Alex e Andrew che hanno creato 4Ocean.

 Tutto ha inizio quando i due surfisti Alex e Andrew fanno un viaggio a Bali, in Indonesia e si rendono conto che il loro surf è circondato dalla plastica dell’oceano. Quello che un tempo era un paradiso terrestre è oggi una discarica in cui ci sono più rifiuti che pesci.

Sconvolti dalla situazione, i due ragazzi decidono di capire il perché non solo si continua a inquinare, ma nessuno fa niente per cambiare la situazione. Osservando i pescatori di ritorno da mare con le reti invase dalla plastica, i due surfisti hanno un’idea geniale: e se al posto dei pesci si pescassero i rifiuti?

Dopo aver studiato se l’idea fosse fattibile, Alex e Andrew hanno deciso di creare 4Ocean, un’organizzazione di raccolta rifiuti in cui i pescatori vengono ripagati con il ricavato della vendita di braccialetti realizzati proprio con quella plastica che avrebbe altrimenti ucciso tartarughe, uccelli e pesci.

Ogni mese, c’è una missione da compiere

“Siamo in acqua 7 giorni alla settimana rimuovendo plastica, rifiuti e detriti dall'oceano e dalle coste. Si stima che oltre la metà di tutte le tartarughe marine abbia ingerito alcune forme di plastica nel corso della propria vita”, scrivono i fondatori sul loro sito web.

Un'altra tendenza estremamente preoccupante è il fatto che nascono sempre meno tartarughe maschi. Il sesso di una tartaruga è determinato dalla temperatura del nido durante l'incubazione, se c’è troppo caldo saranno femmine. I cambiamenti climatici giocano un ruolo fondamentale in questo.

“Per il mese di giugno, abbiamo collaborato con il Laboratorio di ricerca marina della Florida Atlantic University® per sensibilizzare l'opinione pubblica su queste e altre problematiche riguardanti le tartarughe marine e per aiutare a combattere il problema dei detriti di plastica in prima persona attraverso il nostro lavoro di pulizia”.

I braccialetti che vengono dal mare

Ogni braccialetto riciclato acquistato finanzia la rimozione di 1 chilo di spazzatura dall'oceano e dalle coste . In meno di 2 anni, 4Ocean ha raccolto 250 tonnellate di rifiuti e attualmente è un’organizzazione che dà lavoro a oltre 150 persone in tutto il mondo.

Infatti, oltre a dipendenti stabili che sono per lo più pescatori, ci sono anche volontari, anziani e perfino turisti che si imbarcano sulle 5 barche dell’organizzazione per dare una mano nella pulizia del mare.

Vuoi diventare un volontario? Clicca qui

Anche Boyan Slat sta facendo una cosa simile:

I nostri mari sono sempre più inquinati:

Dominella Trunfio

 

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram