Anguille

Tracce di cocaina nei fiumi europei e pare che, per questo, le anguille siano a rischio estinzione. No, non è uno scherzo ma il risultato di uno studio di tutto rispetto: basterebbero pochi giorni di esposizione perché la droga si accumuli nel cervello, nei muscoli, nella pelle e in altri tessuti mettendo la fauna ittica in serio pericolo.

Ad affermarlo è una ricerca coordinata da Anna Capaldo dell’Università Federico II di Napoli, secondo cui le tracce di cocaina presenti nei fiumi – che vanno sommate all’inquinamento, ovvio – soprattutto vicino alle grandi città, sono sufficienti a provocare effetti nei pesci che potrebbero metterne in pericolo la sopravvivenza, proprio come nel caso delle anguille.

È chiaro, dunque, che non soltanto residui di cosmetici e farmaci vanno a finire nei corsi d’acqua delle nostre città, ma anche droghe pesanti che danneggiano i muscoli dei pesci compromettendone anche le migrazioni.

Lo studio

Nel corso delle analisi, i ricercatori hanno messo in luce la concentrazione di cocaina in un campione di anguille europee, arrivando a constatare che la droga si era accumulata nel cervello, nei muscoli, nella pelle e in altri tessuti. Soprattutto i muscoli sono risultati gli organi più danneggiati e con cambiamenti negli ormoni presenti.

Abbiamo scelto le anguille perché sono considerate in pericolo di estinzione e per il fatto che sono pesci molti grassi, il che favorisce l’accumulazione delle sostanze. Questi animali affrontano migrazioni anche di 6 mila chilometri, che richiedono riserve di energia e muscoli in perfetta salute per essere completate”, ha spiegato Anna Capaldo.

anguille europee

Ovviamente, gli studiosi pensano che i danni potrebbero riguardare anche altri animali marini.

Soprattutto i pesci stanziali potrebbero avere conseguenze dalla presenza di cocaina nell’acqua a queste concentrazioni. Inoltre bisogna pensare che sono presenti anche molte altre sostanze pericolose, da altri stupefacenti a farmaci a metalli e l’effetto combinato è da valutare, cosa che vorremmo fare in uno studio successivo”.

E quanto alle conseguenze per l’uomo? Pare non ci sia una bioaccumulazione nel muscolo, che sarebbe la parte edibile per noi. “Non sappiamo però cosa succede quando l’animale muore e l’effetto che ha la cottura. Anche qui servono altre ricerche”, concludono gli esperti. Ma potrebbe essere certa una conseguenza negativa soprattutto lungo tutta la catena alimentare.

Anguille drogate, l’ironia sui social

La notizia ha dell'incredibile, diciamocelo. Ma se poniamo un attimo di attenzione, è del tutto sconvolgente che si sia arrivati fino a qui.

Che le anguille siano imbottite anche di cocaina ha suscitato un po' di ilarità nei social, che noi siamo pronti ad accogliere per alleggerire un minimo un simile disastro:

Leggi anche

Germana Carillo

Anguille drogate di cocaina nei fiumi europei

geronimo stilton

G.Stilton testimonial per Conad

Il popolare topo è testimonial del concorso di scrittura sull'ambiente organizzato da Conad con il WWF. Scopri perché

Orticolario 2018

Fiera Orticolario 2018

Dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba (lago di Como) apre la fiera per un giardinaggio evoluto. Tutti gli eventi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram