Foreste indonesia

Olio di palma, ancora sotto attacco le foreste indonesiane. Per far posto alle piantagioni di palma da olio la foresta pluviale di Papua è ancora soggetta a una devastante deforestazione.

È la denuncia che arriva da Greenpeace che in un video (vedi sotto) mostra le immagini di un’area grande quanto metà Parigi di una recente deforestazione all’interno della foresta pluviale di Papua per creare nuove piantagioni di palma da olio. 
 
Ben 4 mila ettari di foresta pluviale bonificati tra maggio 2015 e aprile 2017, come suggeriscono le immagini satellitari, nella PT Megakarya Jaya Raya, una concessione di olio di palma controllata dalla Hayel Saeed Anam Group (HSA) e alla quale si riforniscono marchi come Mars, Nestlé, PepsiCo e Unilever.
La concessione include alcune aree protette dal governo indonesiano in risposta agli incendi che devastarono le foreste nel 2015: in queste zone è proibito lo sviluppo commerciale.

Tra il 1990 e il 2015 l’Indonesia ha perso circa 24 milioni di ettari di foresta tropicale e, dopo aver distrutto gran parte delle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan, l’industria dell’olio di palma non sembra trovare freni proseguendo ora verso nuove frontiere vergini, proprio come Papua.

indonesia

Se il governo indonesiano ha intenzione di continuare a difendere l’industria dell’olio di palma, dovrebbe prima assicurare che vengano adottate e rispettate politiche volte a fermare la deforestazione, il drenaggio delle torbiere e lo sfruttamento dei lavoratori e delle le comunità locali”, sostengono da Greenpeace.

Quest’ultimo caso evidenziato dall’associazione solleva anche serie domande per la tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile (RSPO). Molte società di olio di palma del gruppo HSA sono membri della RSPO, sebbene PT MJR e le altre concessioni del gruppo HSA in questo distretto non lo siano. Ai membri della RSPO non è permesso avere divisioni di olio di palma non affiliate, per cui lo sviluppo visto in PT MJR violerebbe anche alcuni dei principi e criteri della RSPO.

indonesia 2indonesia 3

La deforestazione rappresenta anche una delle maggiori fonti di emissioni di gas serra e da questo punto di vista la situazione in Indonesia continua ad essere allarmante: le foreste indonesiane ospitano 38 mila specie vegetali e oltre 2000 specie di uccelli e di mammiferi e sono seconde solo all’Amazzonia in termini di biodiversità, ma ancora ogni giorno in questa zona del mondo si continua a bruciare per fare spazio alla coltivazione di palme da olio.

 Leggi anche: 

Germana Carillo

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram