Deepwater_horizon_golfo_del_messico
È per fortuna rientrata la nuova emergenza nel Golfo del Messico. La British Petrolium è dovuta correre di nuovo ai ripari per contrastare la marea nera e il fatale incidente che ha provocato la rottura della cupola di contenimento e la morte di due persone a seguito dell’esplosione avvenuta ieri, causata dalla collisione di un robot subacqueo che ha fatto saltare un dispositivo.

La compagnia petrolifera è riuscita finalmente a mettere un tappo per arginare i danni provocati dalle migliaia di litri di greggio riversati in mare senza controllo. L’operazione è avvenuta alle otto di ieri sera (ovvero alle due di notte in Italia) quando il nuovo tappo a ricominciato a pompare petrolio e gas.

Intanto, però, la credibilità e la popolarità del presidente statunitense, Barack Obama, sta calando pesantemente: è quanto riportato da un recente sondaggio effettuato dal Wall Street Journal/Nbc, che ha intervistato un campione di americani sulla catastrofe ambientale. Circa la metà degli intervistati infatti, non è soddisfatta dell’operato di Obama di fronte al dramma del golfo del Messico.

Nel frattempo, i dispositivi messi a punto i primi di giugno dalla British Petrolium per arginare la dispersione del petrolio hanno pompato e recuperato circa 27.000 barili di greggio, mentre uno staff di esperti ha stimato che ogni giorno continuano a riversarsi nelle acque del Golfo del Messico dai 35.000-60.000 barili di greggio.

Leggi tutti gli articoli e gli aggiornamenti sulla marea nera del Golfo del Messico


dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram