stop-pesticidi

Pesticidi? Sempre più presenti a tavola e il rischio per la salute degli italiani è sempre più tangibile. Ne abbiamo parlato tante volte, ma i dati della campagna #ipesticididentrodinoi sono allarmanti.


La campagna, voluta da Federbio, insieme a Wwf, Legambiente, LIPU e ISDE-Associazione Medici per l’Ambiente conferma il trend negativo: gli alimenti che mettiamo in tavola sono sempre più intossicato dai pesticidi.

#ipesticididentrodinoi era partita dopo un controllo sulle urine di una famiglia tipo composta da padre, madre e due figli. Dopo averle fatte analizzare in Germania era emerso ciò che in effetti già si sospettava: i valori relativi ai pesticidi erano alti.

"Quindi, basta una ‘semplice’ analisi delle urine e una normale famiglia italiana di quattro persone – si legge in un comunicato stampa di Federbio - scopre di essere pesantemente contaminata dai pesticidi".

Per tre dei membri alte concentrazioni di glifosato, l’erbicida per cui in queste settimane l’Europa deve decidere o meno la possibilità di utilizzo nei prossimi anni. Soprattutto uno dei genitori registra 0,26 microgrammi per litro (mg/l), mentre il bambino più piccolo arriva 0,19 rispetto a una media generale di 0,12 microgrammi per litro.

Lo stesso bambino, solo 7 anni di età, registra oltre 5 microgrammi di clorpirifos per grammo di creatinina, un valore altissimo rispetto alla media della popolazione che è 1,5 (mg/g). Quest’insetticida provoca – tra i tanti altri danni – particolari effetti sulla capacità di apprendimento e di attenzione. Infine, due prodotti della contaminazione da piretroidi (Cl2CA e m-PBA) sono consistentemente presenti nella famiglia. In particolare, m-MPA arriva nella mamma a concentrazioni di circa 3,4 microgrammi per grammo: un record che si trova solo nel 5% delle statistiche finora analizzate.

 Le analisi rivelano,quindi, la presenza di glifosato, in concentrazioni addirittura doppie rispetto alla media, con un +116%, di clorpirifos che è un insetticida che si trova nei campi, di piretroidi nonché di metaboliti Cl2CA e m-PBA.

Insomma una vera e propria bomba di effetti collaterali sul corpo. Nello specifico, del glifosato abbiamo parlato infinite volte, le riserve sulla possibile cancerogenicità e tossicità non sono ancora sciolti; il clorpirifos provoca danni al sistema nervoso e nei bambini ha effetti negativi sulla capacità di apprendimento e di attenzione. Ripercussioni si hanno ancora sui reni, sul sistema endocrino e sulla flora batterica.

Lo studio

Durante la fase di analisi, una famiglia presa a campione ha seguito per 15 giorni una dieta bio. I risultati arriveranno a fine novembre, ma c’è molta curiosità per capire effettivamente cosa accade al corpo quando non si assumono alimenti con pesticidi anche solo per un arco temporale così breve.

“Misuriamo i pesticidi dappertutto: nell’acqua, nel suolo, nei cibi, ma non i nostri livelli di esposizione e contaminazione, su oltre un terzo prodotti che arrivano sulle nostre tavole ci sono residui di pesticidi”, Maria Grazia Mammuccini, dell’Ufficio di presidenza di Federbio.

Dei pesticidi ne avevamo parlato qui: 

Tutta la campagna #ipesticididentrodinoi è online e tutti possono seguire giorno dopo giorno, attraverso video e post della famiglia, l’evolversi della dieta. Il 30 novembre prossimo saranno presentati i risultati finali, e si risponderà alla domanda: è possibile, con solo 15 giorni a zero pesticidi ridurre o eliminare la quantità di sostanze chimiche che assorbiamo quotidianamente attraverso gli alimenti?

Dominella Trunfio

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram