terremoto_messico

Terremoto in Messico: un intero paese sotto shock, dopo la mega scossa di magnitudo 7.1 che conta ad ora un bilancio di circa 250 vittime accertate. Un numero che tragicamente continua a crescere, mentre si scava tra le macerie.

La maggior parte dei morti è nello stato di Morelas e a Città del Messico, oltre che a Puebla e negli stati del Messico e di Guererro. Ci sono uomini, donne e bambini, ventisei piccoli alunni sono morti assieme alle maestre in un collegio.

Il sindaco Miguel Angel Mancera ha disposto lo stato d’emergenza in tutta la città, dove oltre 3mila militari e volontari stanno procedendo con le operazioni di soccorso iniziate ieri alle 13,14 (ora locale della scossa).

Il terremoto arriva appena dodici giorni dopo quello di magnitudo 8,2 che ha causato oltre novanta morti. L’epicentro è stato registrato 12 chilometri a sudest di Axochiapan, nello stato di Morelos, circa 160 chilometri dalla capitale messicana.

Coincidenza tragica perché, la scossa, è arrivata proprio mentre in tutto il paese venivano ricordate le seimila persone morte nel sisma del 1985.

I dati della Protezione civile

Secondo la Protezione civile messicana, la situazione è tragica e le vittime sono tantissime. Gli ultimi dati sono di almeno 248 morti dei quali 117 a Città del Messico, 72 nello Stato di Morelos, 43 in quello di Puebla, 12 nello Stato del Messico, tre in quello di Guerrero e un altro in quello di Oaxaca.

Ma c’è ancora da scavare sotto gli edifici che sono andati a fuoco. Attualmente la popolazione è senza corrente elettrica e senza gas per il timore di ulteriori esplosioni.

terremoto messico1
Foto: Eduardo Verdugo/AP

Tra gli eventi più drammatici, il crollo della scuola Enrique Rebsamen, nella zona di Coyoacan dove ventisei bambini più quattro maestre sono rimasti uccisi, mentre quattordici sono stati tratti in salvo.

Sotto le macerie ci sono ancora almeno due ragazzini, una bimba di sei anni ancora intrappolata è riuscita a entrare in contatto via Whatsapp con i soccorritori. Ma secondo quest’ultimi, ci sono ancora dispersi 30 bambini e otto adulti.

Terremoto e stato d’emergenza

Il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha convocato una seduta immediata del Comitato nazionale di emergenza, bloccati tutti i voli verso l'aeroporto internazionale di Città del Messico.

terremoto messico copia
Foto: Gerardo Carrillo/AP

Si lavora, invece, nel tratto di autostrada in prossimità di Cuernavaca crollato così come centinaia di palazzi soprattutto nella capitale.

 

Dominella Trunfio

Foto cover: Ronaldo Schemidt/Aff/Getty Images

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram