GP0239J_layout

Nelle acque maltesi si continua a pescare in modo sregolato, nonostante il divieto anticipato imposto dall’Unione Europea e proprio ieri un carico di tonno rosso è partito alla volta di Malta, destinato ad un allevamento, dove i pesci vengono ingrassati e poi rivenduti. Per contrastare questo scempio sono scesi nuovamente in campo gli attivisti di Greenpeace che, con un’azione non violenta, sono saliti a bordo di sette gommoni provenienti dalle navi Rainbow Warrior e Artic Sunrise, per cercare di liberare i tonni rossi dalla gabbia. Ma come già successo nei giorni scorsi, anche a questo tentativo, i pescatori hanno sparato perfino dei razzi di segnalazione; è intervenuta quindi la guardia costiera maltese, che ha rincarato la dose allontanando gli attivisti con dei cannoni ad acqua.

«Fermare la pesca è l’unica cosa responsabile da fare, per il futuro di questa specie e del nostro mare – ha fatto sapere Giorgia Monti responsabile della campagna mare di Greenpeace - Le condizioni di questo stock sono l’esempio lampante del fallimento della gestione della pesca nel Mediterraneo, con risorse ittiche ed ecosistemi al collasso e migliaia di posti di lavoro bruciati».

La situazione preoccupa, perché solo pochi giorni fa l’Europa ha ordinato ufficialmente la chiusura della stagione della pesca, mentre le operazioni in mare - da parte dei pescatori indifferenti al richiamo - non accennano a diminuire.

L’associazione ambientalista chiede quindi di chiudere in modo perentorio le attività di pesca e creare riserve marine in aree chiave per la riproduzione del tonno rosso e recuperare dei numeri che si assottigliano sempre di più.

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram