isola iceberg

È accaduto quello che si temeva da tempo. Un enorme iceberg si è staccato dalla piattaforma Larsen C, in Antartide. Una montagna di ghiaccio, la cui superficie è pari a quella della Liguria, ossia 5.800 kmq. A riferirlo è stata la Nasa che attraverso i satelliti da tempo monitorava la situazione.

L'enorme frattura di Larsen C è arrivata al culmine, raggiungendo il triste epilogo. Larsen C è una piattaforma galleggiante di ghiaccio sul lato est della Penisola Antartica, è la quarta piattaforma più grande del mondo. Le prime immagini disponibili sono fotografie aeree degli anni Sessanta e un'immagine di un satellite statunitense del 1963. La frattura che ha prodotto il nuovo iceberg era già identificabile in quelle immagini, insieme a molte altre ma è rimasta inattiva per decenni. Nel 2014, una crepa che fino ad allora era cresciuta lentamente nel corso dei decenni,improvvisamente cominciò a spingersi sempre di più verso nord, fino alla recente rottura.

Ora che il pezzo di ghiaccio è scomparso, la superficie della piattaforma Larsen C è diminuita del 10 per cento. Una vera e propria isola galleggiante che purtroppo vanta numeri da record: oltre ai quasi 6.000 kmq di superficie, ha uno spessore stimato tra i 200 e i 600 metri.

Durante i mesi più soleggiati tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017, gli scienziati hanno osservato da vicino la frattura che si era sviluppata lungo Larsen C. Il 17 giugno 2017, il sensore termico a raggi infrarossi (TIRS) del satellite Landsat 8 ha catturato un'immagine della frattura mostrando anche le temperature attraverso i colori.

larsenc copia

L'arancio indica i punti in cui la superficie è più calda, in particolare le aree dell'oceano e dell'acqua sormontata da un sottile strato di ghiaccio. Le zone colorate di azzurro e bianco sono le più fredde e coprono gran parte della piattaforma e del ghiaccio marino. Le aree blu e viola sono una via di mezzo.

“Non sappiamo attualmente che cosa sia cambiato nel 2014” ha dichiarato Dan McGrath, glaciologo della Colorado State University che studia Larsen C dal 2008.

McGrath ha detto che la crescita della fessura, data la nostra attuale comprensione, non è direttamente legata al cambiamento climatico.

“La Penisola Antartica è stata uno dei luoghi della Terra in cui il riscaldamento è stato più veloce per tutta la seconda metà del XX secolo. Questo riscaldamento ha determinato profondi cambiamenti ambientali, tra cui il crollo di Larsen A e B. La frattura di Larsen C potrebbe non avere una connessione diretta con i cambiamenti climatici. Tuttavia, ci sono sicuramente meccanismi che potrebbero essere collegati al cambiamento climatico, soprattutto le acque più calde dell'oceano che si trovano alla base della piattaforma”.

LEGGI anche:

frattura ghiacci antartide

Impossibile prevedere con precisione il momento della frattura. Gli scienziati americani stanno ora seguendo il cammino dell'isola di ghiaccio (ribattezata A-68), alla deriva. Secondo i calcoli dovrebbe muoversi a nord lungo la costa della penisola antartica e poi verso poi nord-est fino alla parte meridionale dell'Atlantico.

Francesca Mancuso

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog