incendio_vesuvio

Dopo la Sicilia, anche il Vesuvio è in fiamme. Una nube tossica e nera, grande paura, aria irrespirabile e danni senza fine. La natura brucia per mano dell’uomo.

Un incendio doloso, come tutti gli altri che in questi giorni stanno piegando il Sud Italia. Mentre in Sicilia i focolai sono ancora accesi e il panico dilaga, anche la Campania e il Lazio sono vittime dei roghi.

Questa volta sono 50 ettari del Parco nazionale del Vesuvio ad essere spazzati via dalle lingue di fuoco, mentre la cenere è arrivata fino alla città di Napoli. L’incendio è doloso secondo i carabinieri forestali e si tratterebbe di otto inneschi differenti, ma tutti partiti allo stesso momento. Grande paura e un esercito schierato a protezione della discarica di Novelle Castelluccio per impedire un disastro ambientale. 

Pinete distrutte e i danni sono quadruplicati rispetto ai roghi del 2016. Ma non solo quindici famiglie sono state evacuate e attualmente quattro elicotteri e due Canadair sorvolano la zona che cinge il Vesuvio coperto dal fuoco. 

Attualmente ci sono in azione Carabinieri Forestali, Vigili del Fuoco, personale della Regione Campania, e circa 100 volontari della Protezione Civile nelle aree di Ottaviano, Trecase e Torre del Greco, colpite ieri duramente dalle fiamme.

Anche la Sicilia brucia:

Incendio del Vesuvio, ecco le immagini live di greenMe.it

 incendio vesuvio
 
incendio vesuvio2
 
incendio vesuvio1
 
incendio vesuvio3
 
incendio vesuvio4
 
incendio vesuvio5
 

Incendio del Vesuvio, ecco le immagini del disastro su Twitter

Dominella Trunfio

Foto: Germana Carillo per greenMe.it

 

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram