stop_ceta

Quindici voti contro sei hanno approvato il trattato CETA sul libero scambio tra Unione Europea e Canada, adesso il provvedimento deve passare all’esame in aula. Intanto, una prima sconfitta per #StopCETA.

La Commissione esteri del Senato vota favore e va avanti incurante di ciò che sostengono associazioni e cittadini, ovvero che il CETA non porterà nessun vantaggio economico, né di libero scambio, anzi finirà per agevolare come sempre, gli interessi delle multinazionali.

Proprio per questo motivo, ieri al Pantheon a Roma si era alzata la protesta, ma trombette, tamburelli, fischietti e quant’altro non sono bastati. ‘Ma noi non molliamo: il #CETA non dovrà mai arrivare in Aula!’, dice il movimento.

Chi ha detto si. Questo l’elenco dei senatori che hanno votato a favore del CETA: Bruno Astorre Pd, Stefania Giannini Pd, Francesco Russo Pd, Stefano Lepri Pd, Giuseppina Maturani Pd, Claudio Micheloni Pd, Gian Carlo Sangalli Pd, Magda Angela Zanoni Pd, Lucio Malan Fi-Pdl, Renato Schifani Fi-Pdl, Pierferdinando Casini AP-CpE-NCD e presidente della Commissione, Francesco Colucci AP-CpE-NCD, Luigi Compagna Fl ,Francesco Palermo Aut e Mario Monti Misto.

In commissione, dunque, hanno votato a favore il Pd e Forza Italia, contro Movimento 5 Stelle, Sinistra Italiana, Misto e Lega. Mdp-Articolo 1 non ha partecipato al voto e questa assenza ha generato non poche polemiche tra i manifestanti al Pantheon.

stop ceta

Ricordiamo che contro l’approvazione del trattato CETA che secondo la Commissione europea porterebbe solo vantaggi, è nato il movimento #StopCETA composto da Coldiretti, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food, Federconsumatori e Fair Watch e altre associazioni che in questi mesi, hanno chiesto a senatori e senatrici una presa di responsabilità.

Nonostante gli appelli alla presidente della Camera Boldrini e quello del Senato Grasso, si è andati avanti senza focalizzare il problema su liberalizzazioni e deregolamentazioni degli scambi commerciali.

“Il voto in Commissione Affari Esteri del Senato è un vergognoso autogol a scapito di diritti, salute, ambiente e dell’agroalimentare italiano. La politica commerciale europea e nazionale deve diventare un volano per rafforzare i nostri diritti sociali e la salvaguardia del Pianeta, non uno strumento per favorire i profitti di pochi, a scapito dei cittadini. Questo accordo è e sarà inaccettabile fino a quando non avverrà un vero cambio di rotta”, spiega in una nota Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura e Progetti speciali di Greenpeace Italia.

Tutto quello che c'è da sapere sul CETA:

Secondo Greenpeace, per un sistema commerciale trasparente, giusto ed equo, la globalizzazione deve essere governata da regole. Queste regole devono rispettare i valori nazionali e culturali, tutelare l’ambiente e la salute, consentire uno sviluppo sostenibile e attuare efficacemente gli obiettivi degli accordi delle Nazioni Unite quali l'Accordo sul clima di Parigi, la Convenzione sulla Biodiversità e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

“Il 5 luglio saremo di nuovo in piazza a Montecitorio, con associazioni ambientaliste, agricole, sindacali e della coalizione #StopTTIP #StopCETA, per ribadire un forte e chiaro no al CETA”, conclude Ferrario.

Dominella Trunfio

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram