popoli_indigeni_gran_chaco

Per la prima volta una ricerca stabilisce quanta porzione di foresta è andata perduta nel Gran Chaco in Sud America e il conseguente impatto sulle popolazioni indigene incontattate.

Spesso vi parliamo delle comunità indigene maltrattate, ferite e uccise perché difendono le loro terre ancestrali. Colpevoli sono multinazionali e governi corrotti che arrivano a svendere anche porzioni di foresta costringendo gli indios a vivere sempre peggio.

La ricerca condotta da María Vallejos, docente presso la Facoltà di Agraria della UBA (FAUBA) apre uno spaccato drammatico sulla situazione latinoamericana.

Negli ultimi anni, il 21% della superficie che i popoli indigeni usavano per la caccia, per raccogliere cibo e allevare bestiame è andata perduta. E’ stato fatto un campionamento tra le 202 comunità che vivono nel Gran Chaco.

Per riuscire a ricavare dati attendibili, sono stati consegnati dei Gps ai diversi membri della comunità, ciò ha permesso di mappare i luoghi in cui viene fatta la raccolta legna, acqua, frutta, in cui si produce miele, si pesca e si alleva il bestiame.

popoli indigeni gran chaco1

Lo scopo quello di capire quanto e se gli appezzamenti di terreno a disposizione si sono col tempo ridotti. Secondo Vallejos purtroppo, la deforestazione tra il 2001 e il 2015, ha portato delle gravi ripercussioni sulle famiglie indigene e il calo della produttività che garantisce il loro sostentamento.

"Le comunità più colpite si trovano nell'area di studio in cui l'espansione agricola è più grande”, spiega Vallejos.

La deforestazione

“Dal 2012 oltre 15,8 milioni di ettari del Gran Chaco si sono trasformati in colture o pascoli, ciò è stato determinato dall’analisi delle immagini satellitari degli ultimi trent’anni”, dice la docente.

I mercati esteri e la svendita del terreno sono il motore del cambiamento dell’uso della foresta, dove purtroppo lo spazio per i popoli indigeni è sempre di meno.

“L’Argentina in generale, è il luogo dove si consumano di più conflitti per il suolo. Imprenditori e produttori sfruttano le risorse con colture a tappeto e invasive, forti del fatto che non esistono politiche per la protezione e la conservazione dell’ambiente”, continua Vallejos.

Potrebbero interessarvi:

popoli indigeni gran chaco2

Il monitoraggio della deforestazione da un lato è la chiave per comprendere le dinamiche dei cambiamenti nell'uso del terreno, dall’altro serve per capire a livello sociale come le popolazioni indigene stanno reagendo ai cambiamenti.

“Per garantire la loro sopravvivenza, è essenziale prendere in considerazione la capacità delle persone di resistere a impatti negativi naturali o dettate dalla mano dell’uomo”.

Dominella Trunfio

Foto

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog