gasdotto_puglia

Puglia a tutto gas: e sono due. Dopo Tap a Melendugno anche Eastmed a Otranto. 

Il tweet di Legambiente riassume alla perfezione ciò che sta accadendo nel Sud Italia.

Nonostante le proteste incessanti che mettono il Tap sul banco degli imputati, il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, pensa al progetto del gasdotto EastMed.

Da Tel Aviv, il ministro parla di “un progetto strategico per l’Italia”, che sarà presentato al G7 del 9 e 10 aprile prossimi.Un gasdotto che riscuote già successo tra i paesi. Israele, Grecia e Cipro hanno firmato una dichiarazione congiunta di impegno allo sviluppo.

LEGGI anche: TAP, LE PROTESTE BLOCCANO DI NUOVO LA COSTRUZIONE DEL GASDOTTO

Il progetto EastMed, il più lungo del mondo, prevede prevede una porzione di 1.300 chilometri offshore e altri 600 onshore che porterà, secondo le previsioni entro il 2025, la commercializzazione delle riserve energetiche scoperte da Israele nell'est del Mediterraneo, attraverso Cipro e Grecia fino all'Italia.

LEGGI anche: TAP: IL SALENTO NON SI ARRENDE. IL COMUNE FERMA I LAVORI DEL GASDOTTO

Un gasdotto sottomarino che rilancia l’ipotesi di utilizzo del gasdotto Poseidon di Edison a Otranto.

“Con la firma dell’accordo per il lancio del progetto Eastmed si concretizza sempre più il rischio di avere ben due gasdotti in Puglia, uno a Melendugno e l’altro a Otranto”, commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia.

Nel 2011 la società IGI Poseidon aveva ottenuto l’autorizzazione del Mise per il progetto definitivo per la costruzione e l’esercizio dell’opera.

“Invitiamo nuovamente istituzioni e politica, a livello nazionale e regionale, a lavorare sull’ipotesi di un unico gasdotto nella nostra regione, attraverso un processo decisionale che coinvolga pienamente i territori interessati”, dice ancora Tarantini.

Nel frattempo che si discute di nuovi gasdotti, la strategia nazionale sulle fonti rinnovabili resta un miraggio.

LEGGI anche: NO TAP: IL SALENTO CONTRO IL GASDOTTO TRANS-ADRIATICO

“La vicenda del Tap non può essere affrontata in maniera isolata, ma deve rappresentare l’occasione per discutere della strategia energetica nazionale che punti sulle fonti rinnovabili, ferme al palo da 4 anni, sull’efficienza energetica, e sull’utilizzo del gas come fonte fossile di transizione, per arrivare già nei prossimi anni a chiudere progressivamente le vecchie e inquinanti centrali a carbone”, chiosa Legambiente.

Dominella Trunfio

Foto: Legambiente

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram