Fuoriuscita di gas in Alaska minaccia i beluga, un disastro ambientale di cui nessuno ne parla

beluga alaska

Una fuoriuscita di gas naturale in Alaska sta mettendo in pericolo i beluga, che purtroppo si trovano già a rischio di estinzione. Siamo di nuovo di fronte a un grave disastro ambientale di cui nessuno parla.

La fuoriuscita di gas naturale è in corso ormai da un mese nella Baia di Cook e non potrà essere riparata fino allo scioglimento dei ghiacci. Dunque il gas continua a fluire incontrollato in un habitat dove i beluga sono già in pericolo di vita.

Hilcorp Alaska è la società responsabile della perdita di gas e non sarà in grado di intervenire per riparare il danno almeno per un mese a causa delle preoccupazioni per le condizioni climatiche e per la sicurezza dei lavoratori.

La fuoriuscita proviene da un gasdotto sottomarino ed è iniziata dal 7 febbraio scorso. Dopo un mese il danno è ancora presente e nessuno ne sta dando notizia. I beluga continuano ad essere in pericolo.

Le condizioni meteorologiche attuali fanno supporre all’azienda che i primi interventi di immersione per comprendere l’entità del danno saranno effettuati verso fine marzo o al massimo a partire dalla metà del mese, ma solo se sarà davvero possibile.

Immergersi in anticipo in quelle acque sarebbe troppo pericoloso per i sub secondo il vice presidente di Hilcorp Alaska, David Wilkins.

beluga alaska 2

Fonte foto: Inside Climate News

La maggiore preoccupazione riguarda i beluga. Il timore è che la presenza di gas possa generare zone ipossiche, cioè carenti di ossigeno, con gravi rischi per la sopravvivenza dei cetacei.

Leggi anche: DISASTRO AMBIENTALE IN CANADA: LA MAREA NERA DI PETROLIO DI CUI NESSUNO PARLA (FOTO E VIDEO)

 alaska 1

Fonte foto: Wikipedia

Al momento Hilcorp Alaska non ha risposto alle richieste del Dipartimento per la conservazione dell’ambiente e degli animali di stilare un piano di protezione delle specie minacciate e degli ecosistemi. Al momento la causa della fuoriuscita di gas è sconosciuta.

Leggi anche: 400 GLOBICEFALI ARENATI IN NUOVA ZELANDA: CORSA CONTRO IL TEMPO PER SALVARLI (VIDEO)

mappa alaska 1

Fonte foto: Adn

Secondo Hilcorp la quantità di metano presente nell’acqua è molto bassa e non è tossica per gli organismi acquatici. La società sostiene inoltre che i beluga tendono a vivere lontano dalle zone ghiacciate.

Ma la National Oceanic and Atmospheric Administration dice il contrario. In una recente lettera l'agenzia ha osservato che i beluga di Cook Inlet tendono a preferire le zone dove il ghiaccio è presente e che dunque tenderebbero a raggiungere proprio l'area dove la fuorisucita di gas si sta verificando.

mappa alaska 2

Fonte foto: Project Avalon

Secondo la Noaa, la presenza di zone ipossiche indica che si è creata una fuoriuscita coninua di gas naturale. Questa condizione influenza in modo critico l’habitat naturale dei beluga e delle altre specie marine della zona.

beluga alaska baia
 

Purtroppo ci troviamo ancora una volta di fronte al caso di una grande azienda che tende a negare l'evidenza minimizzando i danni della perdita di gas per gli animali e per gli ecosistemi. Pensando alla sopravvivenza dei beluga e degli altri animali marini, la speranza è che si possa intervenire al più presto per risolvere la situazione.

Marta Albè

Fonte foto: Brian Gratwicke