Le foreste della Terra stanno trattenendo il respiro (in senso letterale)

foreste respiro

Le foreste sono i polmoni della Terra e purtroppo ora a causa dei cambiamenti climatici stanno letteralmente trattenendo il respiro.

Secondo un nuovo studio, a mettere in difficoltà la sopravvivenza delle foreste è il riscaldamento globale. Lo studio in questione ha verificato quanto le foreste siano state importanti dal 1998-2012 fino a tempi più recenti per rallentare il riscaldamento globale.

I ricercatori, tra cui troviamo il prof. Pierre Friedlingstein dell’Università di Exeter, hanno dimostrato che la capacità delle foreste di rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera si è dimostrata molto efficace nei 14 anni che vanno dal 1998 al 2012.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Climate Change il 23 gennaio 2017.

È ormai noto secondo i ricercatori che gli ecosistemi della Terra, come gli oceani e le foreste, sono in grado di contrastare gli impatti negativi dell’utilizzo di combustibili fossili rimuovendo l’anidride carbonica dall’atmosfera e agendo come serbatoi di carbonio.

Leggi anche: MAMMA, SI STA RIMPICCIOLENDO LA FORESTA! COLPA DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

I ricercatori però sono ancora incerti riguardo le modalità con cui proprio questi ecosistemi risponderanno ai futuri cambiamenti climatici. Si chiedono cioè se le foreste e gli oceani riusciranno a trattenere più Co2 o se ne inizieranno a rilasciare maggiori quantità nell’atmosfera.

Leggi anche: CAMBIAMENTI CLIMATICI: LA FORESTA AMAZZONICA NON ASSORBE ABBASTANZA CO2

Lo studio ha rivelato che il quantitativo totale di carbonio trattenuto dagli ecosistemi è diminuito durante i periodi di riscaldamento rapido ed è aumentato nei momenti di riscaldamento più lento.

A parere dei ricercatori le foreste stanno letteralmente trattenendo il respiro e ancora non è dato sapere cosa succederà nei prossimi anni. Sarà necessario attendere e compiere ulteriori studi per comprenderlo.

Le foreste riusciranno ancora a trattenere grandi quantitativi di anidride carbonica o a un certo punto arriveranno al collasso e non riusciranno più ad aiutarci a contrastare il riscaldamento globale?

Marta Albè

Photo Credits