superstrada Nigeria

Una superstrada a sei corsie, che passerà attraverso la foresta pluviale nigeriana minacciando 180 comunità indigene e uno degli animali più a rischio estinzione: il gorilla. La strada dovrebbe sorgere nello stato di Cross River nella zona sudorientale del paese.

Una striscia di asfalto lunga circa 260 km. Ed è già battaglia. Secondo le associazioni ambientaliste, la costruzione costringerebbe le comunità indigene a lasciare la loro terra di origine. Ma non è tutto. La superstrada passerebbe all'interno di un parco nazionale e nei pressi di alcune riserve forestali in cui vivono alcune delle specie più minacciate della Nigeria. Il progetto contrappone i sostenitori per la conservazione degli habitat ambientali e culturali a coloro che credono che la regione potrebbe beneficiare del miglioramento delle infrastrutture.

Nata da un'idea del governatore dello stato Ben Ayade, la Cross River Superhighway si estenderebbe dal nord della Nigeria a sud, sulle rive dell'Oceano Atlantico. Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha dato via libera al progetto circa un anno fa, lodandolo come una significativa pietra miliare per rilanciare l'economica del paese.

LEGGI anche: Indigeni: omicidi e sfratti contro i popoli che difendono le terre ancestrali

Ma a che prezzo? Le associazioni ambientaliste e molte comunità locali si sono già mobilitate contro l'autostrada, che avrebbe un effetto devastante sull'habitat della foresta pluviale e sugli indigeni.

Secondo l'attuale progetto, la strada attraverserebbe diverse aree protette come il Parco Nazionale del Cross River, la Ukpon River Forest Reserve, la Cross River South Forest Reserve, la Afi River Forest Reserve e il Afi Mountain Wildlife Sanctuary. Questi siti ospitano varie specie a rischio, tra cui gli scimpanzé Nigeria-Camerun, i coccodrilli catafratto, i pappagalli cenerini e molti altri.

cross river autostrada

Si teme soprattutto per la sopravvivenza della più rara grande scimmia del mondo, il gorilla Cross River, che conta meno di 300 unità.

LEGGI anche: INDIGENI AFRICANI SFRATTATI DALLE LORO TERRE (ANCHE) PER COLPA DELLA BANCA MONDIALE

“È davvero molto preoccupante il fatto che il grande lavoro che la Nigeria ha fatto per creare queste zone e protegere gli habitat potrebbe essere compromesso da quest'autostrada”, ha detto John Calvelli, della Wildlife Conservation Society.

Cercando di persuadere le autorità nigeriane a fermare il progetto e a spostarlo lontano dalle aree protette, la Wildlife Conservation Society ha lanciato una campagna internazionale che nel giro di qualche giorno ha raccolto migliaia di firme.

LEGGI anche: INDIGENI DEL BRASILE SOTTO ATTACCO: LE LOBBY STANNO DISTRUGGENDO GLI ULTIMI DIFENSORI DELLE FORESTE

“In qualsiasi momento, le ruspe potrebbero scavare in una delle ultime foreste pluviali in Nigeria, distruggendo centinaia di migliaia di acri di foresta ancestrale, spostando centinaia di comunità indigene e demolendo alcuni degli ultimi habitat del gorilla Cross River a rischio estinzione, come così come altre specie vulnerabili, come gli scimpanzé, gli elefanti e i pangolini” si legge nella petizione.

“Gli Ekuri che gestiscono la terra da migliaia di anni sono pronti a per proteggere la loro terra ancestrale e la fauna selvatica che ci vive. Mostriamo lori il nostro sostegno”.

Per firmare la petizione, clicca qui

Francesca Mancuso

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram