bolle metano siberia

Sembra un enorme materasso ad acqua, invece è il terreno della Siberia. Qui lo scioglimento del permafrost sta provocando la formazione di bolle di metano e anidride carbonica sotto lo strato di erba.

Immagini disarmanti documentate in un video dai ricercatori ambientali Alexander Sokolov e Dorothee Ehrich dell'Environmental Research Centre di Labytnangi, che hanno scoperto quindici bolle di gas che punteggiano il permafrost, il terreno siberiano che, in teoria, dovrebbe essere perennemente ghiacciato.

LEGGI anche: INQUINAMENTO MARINO: ENORMI BOLLE DI METANO NEL MAR GLACIALE ARTICO

Il metano, come sappiamo, è un gas super inquinante che se liberato nell’atmosfera diventa molto pericoloso. Il fenomeno, davvero singolare, potrebbe quindi rappresentare un serio allarme, legato anche al caldo anomalo e ai cambiamenti climatici che stanno interessando l’estremo nord Europa, e nello specifico l’isola Belyy, nel mar Glaciale artico, dove le bolle si stanno verificando.

LEGGI anche: MAMMA, MI SI È RISTRETTO IL BUCO DELL'OZONO

Nel video pubblicato dal Siberian Times, uno dei ricercatori fa ondeggiare il suolo con un piede, mostrando la precarietà del terreno. Gli studiosi avevano già notato accidentalmente una di queste bolle, lo scorso anno. Tornati sull’isola per lavorare a un progetto sui cambiamenti climatici, hanno deciso di approfondire la questione.

LEGGI anche: RISCALDAMENTO GLOBALE: FUORIUSCITE DI METANO NEI GHIACCI DELL'ARTICO

Dopo aver estirpato l’erba e tolto i detriti, hanno analizzato l’aria che fuoriusciva dalle bolle notando che esse contengono una quantità di metano 200 volte più elevata del normale e anche notevoli dosi di anidride carbonica (20 volte in più).

Sono proprio questi gas a creare l’effetto di un materasso ad acqua, con un terreno che si muove e rimbalza come se fosse elastico.

LEGGI anche: SIBERIA: SCOPERTI ALTRI DUE NUOVI CRATERI (FOTO E VIDEO)

I ricercatori sono adesso a lavoro per scoprire le cause di questa anomalia, ma l’ipotesi più probabile è che le bolle siano dovute all’aumento delle temperature strettamente collegate al surriscaldamento globale.


"E 'probabile che questi 10 giorni di caldo straordinario abbiano innescato alcuni meccanismi, e il livello più superiore del permafrost si sia scongelato, rilasciando una grande quantità di gas metano", ha detto Sokolov.

LEGGI anche: BUCO DELL’OZONO: SCOPERTI 4 NUOVI GAS RESPONSABILI

Secondo il rapporto del World Meteorological Organization (WMO), il 2016 è finora l’anno più caldo mai registrato, ciò avrebbe quindi causato la fusione della parte superficiale del permafrost che a sua volta avrebbe provocato il rilascio di un mix di gas sotto il terreno.

LEGGI anche: GIUGNO 2016: IL MESE PIÙ CALDO DI SEMPRE

Tutte ipotesi avanzate dagli studiosi che saranno adesso oggetto di studio per arrivare a conclusioni più indicative. Ciò che è certo è che se queste bolle dovessero scoppiare, rilascerebbero nell’atmosfera metano e anidride carbonica che andrebbero a peggiorare la qualità dell’aria e influire negativamente sulla precaria situazione del buco dell’ozono.

Dominella Trunfio

Foto: Siberian Times/YouTube

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram