chernobyl 000

Trent’anni fa, l'incidente nucleare di Chernobyl ha provocato un disastro ambientale e sanitario di proporzioni enormi, costringendo oltre100 mila persone ad abbandonare le proprie abitazioni e trasformando in una landa spettrale un’area di circa 2.600 kmq lungo la frontiera tra Ucraina e Bielorussia. Ma nel piccolo villaggio di Tulgovich la vita ha continuato a scorrere: nonostante il pericolo di radiazioni, una coppia si è rifiutata di abbandonare la propria casa, scegliendo il silenzio e la solitudine.

Oggi Ivan Shamyanok ha novant’anni. Ha sempre vissuto a Tulgovich, in Bielorussia: un piccolo agglomerato di case che il 26 aprile del 1986 è stato avvelenato dalle radiazioni causate dal peggior disastro nucleare di sempre. Il bilancio ufficiale delle vittime dell’incidente di Chernobyl conta appena 31 nomi, ma un numero molto maggiore di persone è deceduto nei mesi e negli anni immediatamente successivi a causa delle malattie causate dalle radiazioni, mentre non si hanno numeri certi riguardo alle patologie e alle morti provocate dagli effetti sul lungo periodo.

chernobyl 001

chernobyl 002

All’epoca del disastro, Shamyanok e la moglie si opposero fermamente al trasferimento in un’altra regione e decisero di rimanere a vivere nel villaggio deserto, come se nulla fosse, continuando a coltivare verdure e ortaggi nel proprio orto e ad allevare mucche, maiali e polli. Un'esistenza molto semplice, la loro, e, nonostante tutto, serena: a trent’anni di distanza, Shamyanok sostiene che il segreto per avere una lunga vita è non abbandonare mai il luogo in cui si è nati.

"Fin qui, tutto bene.” – racconta in un'intervista“I medici sono venuti ieri, mi hanno messo sul letto, controllato e misurato. Hanno detto 'stai bene, nonno.' […] Mia sorella ha vissuto qui con il marito. Hanno deciso di andarsene e ben presto sono morti… Sono morti di ansia. Io non sono ansioso. Canto un po’, faccio un giro in giardino, prendo le cose con calma e vivo.”

chernobyl 003

chernobyl 004 copia

Ora che sua moglie è morta e i suoi figli si sono trasferiti lontano, lui e suo nipote, che abita dalla parte opposta del villaggio, sono gli unici abitanti rimasti a Tulgovich.

“La gente potrà tornare indietro?” - si chiede – “No, non tornerà. Quelli che volevano tornare sono già morti."

Shamyanok conduce una vita tranquilla: si alza ogni giorno alle sei, quando la radio trasmette l’inno nazionale; poi accende la stufa di ghisa per riscaldare la sua colazione e va a dare da mangiare ai suoi maiali e al suo cane. Un furgoncino che funge da negozio-mobile visita il villaggio due volte a settimana e ogni sabato riceve la visita di una nipote che gli pulisce la casa e prepara delle pietanze per l’intera settimana. Sostiene di non avere problemi di salute, ma assume alcuni farmaci e, prima dei pasti, si concede un bicchierino di vodka.

chernobyl30aprile2016

Una quotidianità frugale e solitaria, insomma, in un villaggio fantasma, trasformato dal tempo in una distesa di ruderi e campi incolti. Ma, agli occhi di quest'uomo ormai anziano e così legato alla sua terra e alle sue radici, questa vita è e rimane, a dispetto di tutto, l'unica possibile.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

LEGGI anche

Fukushima: gli effetti del disastro nucleare dureranno centinaia di anni

L'incidente nucleare di cui nessuno parla: fuga radioattiva in Russia dalla centrale Leningrad

Alci, caprioli, cinghiali: gli animali ripopolano Chernobyl dopo il disastro nucleare (FOTO)

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram